Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
23 ottobre 2020
In Universale Economica
Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
Esperimento segnino 29 ottobre 2005


Grazie a tutti per gli auguri. Perché il silenzio? Perché mi sono buscato un bel raffreddore (ancora in corso), e in più il lavoro a Segni (vedi ultimo post) ha avuto una coda soddisfacente ma impegnativa.

Diciamo intanto che Segni è una cittadina antica e scoscesa, grigia di quel grigio che associamo a Tozzi e Rosai, ma con un’intonazione più scura e papalina: è la città natale di diversi papi e cardinali, nonché di Giulio Andreotti e di Quinto Navarra, il cameriere di Mussolini. (Lo stemma comunale, qui a lato, rende bene l’atmosfera.) Il centro storico è punteggiato di “fraschette”, cantine−osteria ormai inserite perlopiù in case private. Durante la sagra del marrone (in cui, by the way, si ingurgitano quantità sproporzionate di marroni ma anche di salsicce e delle tagliatelle locali, che recano il leggiadro nome di “fregnaquanti” − c’è dietro una storia che ora non sto a dirvi) − dunque durante la sagra le fraschette vengono riaperte, e frequentate a orari prefissati da narratori orali di tutti i tipi: si va dall’anziano che mostra i suoi giocattoli d’epoca alle professoresse di italiano, dai giovani con chitarra e ampli al poeta orale (ne ho conosciuto uno straordinario, Umberto Tommaso Canali, e ho registrato qualcuna delle sue poesie). Noi scrittori dovevamo girellare per queste fraschette, placcare i narratori, farci raccontare tutto il raccontabile, poi rielaborare il tutto in un racconto scritto.

Per un paio di giorni ci siamo divertiti moltissimo − avevamo formato un gruppetto affiatato, io, Carola Susani, Elena Stancanelli, Tommaso Ottonieri, e dal nord Aldo Nove e Giorgio Falco, più un po’ di mariti e mogli e bimbe − ma al tempo stesso (ora posso confessarlo) ci è sembrato che nulla girasse per il verso giusto. Tra noi scrittori si formavano dei sub-gruppetti (dev’essere genetico) che andavano uniti a visitare questa o quella fraschetta: di conseguenza alcuni narratori finivano per incontrare tutti gli scrittori, e altri nessuno; qualcuno se ne andava borbottando, qualcuno saltava gli appuntamenti; salsicce e marroni dopo un po’ iniziavano a stufare; infine molti tra noi sentivano l’attrazione magnetico−letteraria della vicina Colleferro, che non ha i duemilacinquecento anni di storia di Segni, ma in compenso è una città industriale sorta dal nulla settanta anni fa con delle interessantissime storie di silicosi e fabbriche d’armi e gestione dei rifiuti... La straordinaria attenzione e gentilezza degli organizzatori − in primis il nostro Diaghilev, Lanfranco Caminiti − non ci impediva di percepire le avvisaglie di una catastrofe. Di cosa avremmo scritto esattamente? E come? E perché? Non lo sapevamo bene neanche noi.

Poi ci siamo rintanati in albergo per qualche ora, tra sabato sera e domenica mattina, e di domenica pomeriggio siamo andati a stampare i nostri scritti, e alle diciotto li abbiamo letti in pubblico nella biblioteca locale.

E, sorpresa, non erano niente male. La ricetta aveva funzionato. Avevamo fatto indigestione di Segni - perdonate l'inevitabile gioco di parole - per due giorni, sentendo ripetere alcune storie decine di volte, e raccogliendo un’infinità di metaforiche punte di freccia e monete antiche, e ora tutto questo era diventato Senso. Una specie di esperimento compiuto non sugli scimpanzé, ma sugli scrittori.

E la “coda soddisfacente ma impegnativa”? Non è quella degli scimpanzé. Il fatto è che, com’è ovvio, non ci si aspettava che scrivessimo un intero racconto in una sera più una mattina. (Quello di “E fu sera, e fu mattina” era un Altro, più in gamba.) Così ho passato l’intera settimana a completarlo, il mio racconto. Ora l’ho finito e lo metto a riposare; a fine novembre lo rileggo, correggo, consegno, e ve lo posto. E’ un racconto di paura. Di fantasmi.
 
I vostri commenti
Il commento di nheit 2 novembre 2005


L'aquilotto giace stecchito sullo stemma di Segni farcito di glassa in salmì con l'arancia a corona sul capo. È morto o fa il morto? Di certo finge d'essere immobileinoffensivo ,tattica consolidata dai celebri conterranei papalinimilitaristi di Segni . Ma nei giorni di ottobre ascoltando il fermento dei segni di Segni ,l'aquilotto ha ripreso il suo libero volo nei cieli della Scrittura Poesia. E allora valeva davvero la pena aspettare il racconto resoconto dello scrittore Tommaso Giartosio che segue ll volo dell'aquila e ferma le storie vissute sognate le infinite metafore "unte di freccia monete antiche " nel Racconto che poi ci accompagna


 
Il commento di Filter 31 ottobre 2005


Peccato che ci fai attendere per il racconto. Se è una storia di fantasmi, cascava bene ad Halloween, no? P.S. quell'aquila non sembra felice di stare sullo stemma.


 
 Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
 Morte di un ragazzo
 Il senso dell'arca
 La città e l'isola (e la sala stampa)
 Invito al viaggio
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 TG in giro per la rete
 Saggi e articoli su "Perché non possiamo non dirci"
 Linguaggio
 Letteratura
 Omosessualità
 Mondo
 L'Infinito Quotidiano
copertina

Perché non possiamo non dirci
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Tommaso Giartosio