Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
28 settembre 2020
In Universale Economica
Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
La città e l'isola (e la sala stampa) 9 maggio 2006


Il commento di Finò all'ultimo post mi prende in castagna. Il nuovo libro è uscito. L'ho scritto a quattro mani con il mio compagno, Gianfranco Goretti. Si intitola: "La città e l'isola. Omosessuali al confino nell'Italia fascista". L'editore è Donzelli.

Mi fa piacere, soprattutto, che abbia avuto una certa eco. Sono uscite ampie recensioni su "La Stampa" (Giovanni de Luna):

http://www.gaynews.it/view.php?ID=37269

e poi su "Repubblica" (Nello Ajello):

http://www.gaynews.it/view.php?ID=37331

La presentazione alla Fiera del Libro di Torino era affollatissima, in parte senz'altro per la presenza (tardiva ma molto gradita) di Vladimir Luxuria, che ha anche detto la sua sulla querelle torinese riguardo a dove far passare la marcia del Pride. Insomma, una serie di motivi anche occasionali hanno contribuito a dare al libro una buona visibilità.

Ora non vi resta che leggerlo. E farmi sapere.
 
I vostri commenti
Il commento di Tommaso Giartosio 27 novembre 2006


Grazie Davide! Anche il tuo romanzo merita di essere letto, e lo segnalo: "49 gol spettacolari", pubblicato da Playground.


 
Il commento di Davide Martini 26 novembre 2006


Complimenti: il libro è bellissimo. Proprio per questo ho deciso di inaugurarci la sezione "letture" del mio sito. Lo trovate qui: http://www.49golspettacolari.com/letture.htm un bacio e ancora complimenti Davide Martini


 
Il commento di Tommaso Giartosio 26 giugno 2006


Grazie Francesco. Difficile distinguere le parti mie da quelle di Franco! Ma sarei curioso di conoscere le tue ipotesi.


 
Il commento di Francesco Bilotta 26 giugno 2006


Un viaggio di andata e ritorno da Roma è bastato a leggere il libro. Mi aspettavo un saggio storico, sono finito in un viaggio, in un mondo, per certi versi lontano nel tempo per altri vicinissimo, tanto da avvertirne distintamente i pensieri, gli odori, le voci andando in giro nella "nostra" Italia. La figura del questore è forse quella più intrigante, ma ciascun personaggio - reso vividamente nel suo scoprirsi gay pur senza rinnegare la proprio "cultura" - è riuscito alla fine a provocarmi. Mi sono divertito a cercare i pezzi scritti da te... secondo me ci sono riuscito! (sono presuntuoso come al solito, ma anche tu hai un modo inconfondibile di scrivere). Grazie ragazzi per le ore passate insieme a leggere il vostro libro.


 
Il commento di Tommaso Giartosio 16 maggio 2006


Grazie anche a Aelred. Conoscete il suo "puntualissimo" blog? L'indirizzo è www.villageblog.it. Ci trovo per esempio un post, che condivido in pieno, sull'opportunità che Bonino vada non alla Difesa ma all'Istruzione. Lo sapremo tra qualche ora, ma non ci spererei.


 
Il commento di aelred 16 maggio 2006


L'ho comprato. ora devo leggerlo, poi uscirà anche la mia recensione :)


 
Il commento di Tommaso Giartosio 16 maggio 2006


Grazie, Enrico: hai un bel sito, tra storia, letteratura, poesia. E le recensioni del tuo romanzo sono lusinghiere. Grazie anche a Marco. Ci saranno alcune presentazioni del libro a Roma, Bologna, Verona, e (spero) in Sicilia: vi farò sapere.


 
Il commento di Marco 15 maggio 2006


Ma come!!! questi "amori deboli" producono anche dei libri!!?? Ma che scandalo!! Dovrò correre a leggerlo prima che qualcuno lo utilizzi per dimostrare che da questi omosessuali escono anche cose così interessanti!! :-)


 
Il commento di enrico meloni 15 maggio 2006


Caro Giartosio, grazie per il biglietto che mi hai lasciato nel cassetto e per i pacchi dei compiti (sei stato molto gentile). Rinnovo il mio plauso per "Quaitùno", che senza televisionismi o sensazionalismi, con un linguaggio semplice ed un richiamo vero a tradizioni popolari, al dialetto, riesce a trasmettere emozioni forti, specie nella seconda parte. Ben riuscito il personaggio di Maria, che emerge dalla scrittura e finisci per sentirlo vicino, una presenza viva, familiare, rassicurante (è qui la forza del colpo di scena...), come certe donne 'paesane' che ho conosciuto in particolare durante l'infanzia. Cercherò di leggere presto anche altri tuoi lavori. Un saluto Enrico Meloni www.enricomeloni.2ya.com


 
 Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
 Morte di un ragazzo
 Il senso dell'arca
 La città e l'isola (e la sala stampa)
 Invito al viaggio
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 TG in giro per la rete
 Saggi e articoli su "Perché non possiamo non dirci"
 Linguaggio
 Letteratura
 Omosessualità
 Mondo
 L'Infinito Quotidiano
copertina

Perché non possiamo non dirci
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Tommaso Giartosio