Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
22 aprile 2021
In Universale Economica
Marosia Castaldi: A vivere si impara
Quale paesaggio ti piace di più quando cammini? 29 aprile 2004


Dopo aver accompagnato mia figlia a scuola, mi concedo venti di cammino. Posso scegliere tra due strade. Una mi porta a sud, verso case moderne brutte e uguali tra le quali si apre uno spiazzo che chiamano “parco”, fatto di pochi alberi e di cani randagi. E’ un paesaggio anonimo, già di periferia. L’altra strada , verso nord, mi porta al centro.Ci sono palazzi belli e antichi, chiese importanti, e un parco che è veramente un parco con le aiuole ben curate, i recinti per i cani ed i bambini.E’ il paesaggio più “civilizzato, che non lascia niente all’imprevisto. La storia l’ha già tutto chiuso dentro le sue briglie. Per questo ci so o un sacco di recinti. Dopo averle percorse tante volte queste strade, ho capito qual è il mio paesaggio. E’ quello verso sud, quello anonimo, periferico, quasi senza forma. Nell’altra strada c’è troppo paesaggio. Qui invece non c’è quasi niente. posso immaginare qualsiasi cosa di cani, di alberi e di case nella nebbia che li avvolge nell’inverno o nel primo sole che li illumina quando viene primavera. Allora ho capito perché ho lasciato Napoli, al di là di qualsiasi ragione familiare o di lavoro , ho capito che Napoli è “troppo paesaggio” per poter creare un paesaggio mio.Ora quel paesaggio così forte, lo posso far fiorire solo se cammino dove né vulcani né case avite né troppi monumenti mi azzerano il pensiero. Preferisco camminare dove nessuno sembra che abbia mai abitato, dove quel cane randagio potrebbe essere mio. Preferisco camminare dove anch’io posso entrare dentro il paesaggio.
Tu quale paesaggio preferisci per sentire viva la tua mente?

 
I vostri commenti
Il commento di Marcella P. 29 aprile 2004


In realtà mi piacerebbe dire cose sul pomeriggio di ieri, dove l'emozione era tanta da levare le parole, ma allarghiamo la visione ai percorsi dello sguardo. Anche a me piace la non apparecchiatura delle cose, sono ingombrante e ho bisogno di spazio. Mi piacciono le marciti di fronte alla scuola dove insegno e ogni tanto penso a come sarebbe bello svegliarsi di fronte a loro e non di fronte ad altre case. Capisco i miei alunni una volta che mi hanno chiesto di levare dalla parete i loro cartelloni dicendo " I muri devono essere vuoti" . Abbiamo tutti bisogno di pagine bianche .


 
 Marosia Castaldi: A vivere si impara
 il Natale
 i morti restano nei vivi
 in spem contra spem
 La felicità
 Febbraio 2013
 Gennaio 2013
 Dicembre 2012
 Novembre 2012
 Ottobre 2012
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Giugno 2012
 Maggio 2012
 Aprile 2012
 Marzo 2012
 Febbraio 2012
 Gennaio 2012
 Dicembre 2011
 Novembre 2011
 Ottobre 2011
 Settembre 2011
 Luglio 2011
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Agosto 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
 Febbraio 2004
 Gennaio 2004
copertina

Paesaggio della stanza
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Marosia Castaldi