Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
22 aprile 2021
In Universale Economica
Marosia Castaldi: A vivere si impara
"Per" o "Con" i figli? 20 maggio 2004


Ha fatto un sacco di cose per le figlie: organizzato viaggi, partecipato ad assemblee dei genitori, stata in compagnia di altri genitori di cui non m’importava niente, preparato da mangiare roba che non mi piace, stata a tavola due ore intere, visto cartoni animati a più non posso e poi film coi maiali, i mostri, gli elfi, i marziani. Mi dico mille volte: “Non devo fare “per “ i figli”, devo fare “con” i figli: dividere con loro la mia vita, non farmi io sola parte della loro”. Infatti, se faccio solo per loro, alla fine rompo tazze e urlo. Tutto quel “per” ci rovina la vita . Lo so che un genitore deve anche decidere “per” i figli fino a una certa età. Qual è soglia - se esiste quella soglia - ( a parte i pannolini, le pappine, i dottori e medicine) – in cui si può davvero vivere insieme, non fingere anche con se stessi di essere una colonna che deve reggere anche i figli? Io poi ho un brutto carattere davvero. Forse perché mio padre non c’era mai e mia madre era infelice….forse , forse, forse. Non importa il passato. Adesso devo capire come devo fare per stare bene con – insieme alle mie figlie. Adesso mi viene in mente che siamo state benissimo quando ho detto per andare a cinema:” Cerchiamo un film che vada bene a tutte e tre” ( la mia grane “grande” ha tredici anni, la “piccola” dieci. Io molti, ma molti più di loro. Moltissimi). Ho scelto “Rosenstrasse”. Un’altra volta ho scelto “Alila”. Dio! Come siamo state bene!

 
I vostri commenti
Il commento di Pamela 23 maggio 2004


Però dici "Cerchiamo un film che vada bene a tutte e tre", ma poi il film l'hai scelto tu: "Ho scelto “Rosenstrasse”. Un’altra volta ho scelto “Alila”" Non è che sei stata bene tu e le tue figlie hanno fatto qualcosa per te e non con te?


 
Il commento di roberta 20 maggio 2004


dieci e dodici anni... sono grandi. Io non ho esperienza di figli ma di bambini perchè ci lavoro. E preferisco il genitore magari un pò sui generis che fa le cose con i bimbi piuttosto che castrarsi a fare cose che nn sopporta. L'hai notato anche tu con la faccenda del cinema. E i ragazzini imparano a essere coerenti nelle loro azioni. Ci vediamo in laboratorio a Napoli nel torrido sole di luglio?


 
 Marosia Castaldi: A vivere si impara
 il Natale
 i morti restano nei vivi
 in spem contra spem
 La felicità
 Febbraio 2013
 Gennaio 2013
 Dicembre 2012
 Novembre 2012
 Ottobre 2012
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Giugno 2012
 Maggio 2012
 Aprile 2012
 Marzo 2012
 Febbraio 2012
 Gennaio 2012
 Dicembre 2011
 Novembre 2011
 Ottobre 2011
 Settembre 2011
 Luglio 2011
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Agosto 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
 Febbraio 2004
 Gennaio 2004
copertina

Paesaggio della stanza
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Marosia Castaldi