Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Con le parole e con le immagini: il blog di Cristina Comencini
Il mio nuovo film: "Bianco e Nero" 31 maggio 2007


L’idea di fare questo film mi è venuta un anno fa, quando sono stata in Africa per la prima volta. Mi e' stato chiesto di seguire un gruppo di studenti romani in un viaggio in Rwanda e girare un documentario. Come sempre la realta' mi e' apparsa del tutto diversa dall'immagine prefabbricata che avevo dell'Africa e dei neri. Nel contatto hanno cessato di essere categorie e sono diventati luoghi e persone. Mi sono resa conto che, nonostante tutti i discorsi quotidiani sul mix etnico, il superamento del razzismo, l'integrazione, ne' io ne' tutti
coloro che conoscevo frequentavamo persone nere. Che non c'era incontro, ci si teneva lontani, si parlava di loro ma a distanza. E lo stesso i neri facevano con noi. E anche che ricordavo pochissimi (uno o due, americani) film che in questi anni abbiano mostrato bianchi e neri mischiarsi. Mi e' parso che, al di la' del razzismo culturale, fatto solo di stereotipi e di ignoranza, esisteva un'altra forma di apartheid, comune alle
due parti: non mischiare le nostre vite. E allora ho immaginato una storia, a casa mia, qui a Roma, fra persone simili, non separate da distanze di classe o di livello culturale, ma solo dal desiderio nascosto di tenersi lontani. Ho creato due mondi diversi ma in fondo anche molto simili, vicini ma separati: due famiglie, con le bellezze e i problemi di tutte le famiglie. La separatezza salta, superata momentaneamente dalla scintilla d'un amore, inopportuno ma irresistibile. L'esplosione travolge tutto, e porta a galla anche schegge di razzismo profondo, paure primitive, idee infantili, mimesi di conflitti storici. Tutto cospira perche' si ritorni
alla tranquilla e protetta vita all'ombra del muro. Dovra' essere cosi? La conoscenza fra i miei due protagonisti nel loro incontro d'amore restera' inutile e sconfitta?"

 
I vostri commenti
Il commento di Cornale Umberto, Fotografo d'Arte 9 giugno 2008


Gentile Sig.ra Comencini, io credo che il razzismo si possa combattere con l'Arte, Purtroppo ora più che mai ne abbiamo bisogno. Forse è un soltanto sogno. Può essere una guida il pensiero della Cvetaeva: "un giorno vivremo senza frontiere " Con stima Umberto Cornale


 
Il commento di mino 3 febbraio 2008


un film che fa molto pensare,fatto bene,realissimo...a volte ti mette quasi paura per tutto cio' che ti puo' succedere nella vita...appunto qua ci vuole il detto"mai dire mai"... complimenti alla regista,ottimo lavoro grande il cast,confermatissima ambra... un applauso


 
Il commento di Marco 25 gennaio 2008


Ciao Cristina, non ci conosciamo, ma ti chiedo di darci del tu in quest'ambiente informale. Ho appena visto il tuo film, mi congratulo con te per l'argomento trattato che condivido, penso fortemente che viviamo tutt'oggi in una sociatà razzista (anche inconsapevolmente). Ma permettimi una critica... Un film riconosciuto come d'interesse culturale, "sponsorizzato" (anche se non è il termine appropriato) dall'AMREF che affronta il tema dell'integrazione culturale, bistratta in modo così sfacciato e palese il CONCETTO DI FAMIGLIA (qualsiasi colore essa abbia!!!) dai un immagine così superficiale di questi due ragazzi, per loro stessi smontano le loro famiglie e chi resta? Che messagio volevi dare?


 
Il commento di Stefania 23 gennaio 2008


Ciao, Cristina. Internet è uno strano posto, dove si può persino dare del tu ad una persona che non si conosce né si conoscerà mai. Ma non potevo non approfittara questo mezzo: volevo dirti GRAZIE per un film come "Bianco e nero". Ho ritrovato l'Ambra che mi sorprese e incantò in "Saturno contro", più arrabbiata, intensa e naturale che mai. Aissa Maiga è il suo negativo perfetto, indispensabili entrambe perchè si possa sviluppare la foto che Fabio/Carlo ha scattato alla propria vita. Sono uscita dal cinema sentendomi bene, con una bella sensazione. Grazie per il tuo lavoro, Ste


 
Il commento di Yoon C. Joyce 9 gennaio 2008


Gent. Cristina, mi chiamo Yoon C. Joyce e sono un attore di origini coreane adottato da genitori italiani. Ho studiato presso la Nyc Film Academy di Los Angeles, e l’Actor’s Studio di New York. Combatto da anni contro i pregiudizi razziali cercando di lavorare in pellicole che contribuiscano ad abbattere certe barriere mentali che, seppur invisibili, sussistono eccome in Italia. Non sto ad elencare quanti episodi di razzismo ho affrontato, da quelli verbali a quelli fisici; proprio in quella che ho sempre considerato la mia patria. La invito invito a visitare il sito www.youtube.com/yooncjoyce in cui ho raccolto alcuni dei miei lavori. Yoon C. J.


 
Il commento di ANTONIO roma 19 dicembre 2007


Vorrei solo segnalare che in anteprima ho visionato sul forum di Ambra http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=7088221 la locandina del Film Bianco & Nero.Mi domando e' quella reale? Perche' a mio avviso e a detta di molti non rende giustizia alla bellezza di Ambra sembra un fotomontaggio.Mentre speravo usaste quella bellissima sull'Espresso con lei in calze fume''...molto bella ricorda alla lontana la Loren.Solo un giudizio e nulla piu'. In bocca al lupo per il film sara' sicuramente bello ed intenso come i precedenti. Antonio


 
Il commento di valentina acava mmaka 18 giugno 2007


Ciao Cristina, Io sono un'africana bianca dal cuore nero, ho vissuto oltre vent'anni in Sud Africa quando c'era l'apartheid e confermo che qui in Italia dove ora vivo, dell'Africa si sa solo che ci sono guerre e carestie e magnifiche spiagge. Ho messo a frutto la mia esperienza scrivendo (raccontando gli altri volti dell'Africa) e operando come mediatrice interculturale (credimi con molte difficoltà) perché l'Italia non è pronta... a guardarsi e a guardare all'Altro Se ti va di leggere il mio ultimo romanzo si intitola "Cercando Lindiwe" (Edizioni Epoché Milano) forse ti piacerebbe... qualcuno pensa di farne uno spettacolo teatrale... magari ti interessa. Abbracci www.valentinammaka.net


 
Il commento di L'uomo del Gambrinus 12 giugno 2007


il razzismo è innato, credo, nell'umanità. Non riesco a spiegarmi altrimenti il razzismo che imperversa, sovrano, sulla terra, che permea l'umanità, la divide, la rende malvagia. Un odio in più, il più antico, forse... e inestirpabile. Solo la sublime rivelazione di tre Dei asessuati assisi in una unico trono. Tre dei, la trinità vera: bianco nero e giallo, può estinguere il razzismo.


 
Il commento di Davide Erre 7 giugno 2007


Ops..Riletto il mio commento: sembra l'apologia del bianco e nero, mentre intendevo il contrario...Sono un pasticcione, non scritturarmi mai per una tua sceneggiatura! A presto


 
Il commento di Fiore Zuccarini 5 giugno 2007


Lo aspetto con curiosità il tuo film. Fare un film è l’opus alchemicum di un regista. E la prime fasi dell’opus non sono la Nigredo e l’Albedo? Horus è bianco, Osiride è nero! Bianco e nero è anche la polarità assoluta… semplice… potente! Il conscio e l’inconscio, il maschile e il femminile , l’Animus e l’Anima, il sole e la luna, il cielo e la terra. Che privilegio per un artista avventurarsi in quella misteriosa dialettica delle polarità che permette all'uomo e alla donna di conoscere se stessi, di individuarsi, e di plasmare il proprio destino. A noi altri restano solo gli innamoramenti, la psicoanalisi, la letteratura, il cinema e il teatro! Lo aspetto con curiosità il tuo film. Buon lavoro.


 
Il commento di Davide Erre 4 giugno 2007


"Bianco e nero" è moderno, sbrigativo, deciso; "grigio" è titubante, prolisso, debole. E' grigio il ripensamento, l'ammettere un torto, il riconoscersi sconfitti. Bianco è il padre burbero, nero il figlio intimorito; bianco e nero il reality-show; grigia la folla ad un concerto, bianco e nero un banchetto tra parenti. In bocca al lupo per il film (il lupo è grigio..)


 
Il commento di Dvs 3 giugno 2007


Ti auguro di esprimere in questo film tutta la profondità di cui sei ricca... così come nei tuoi romanzi e precedenti cinema! Mi ero candidato per una particina eheeh ma non ho avuto risposta... sarà per prossima occasione ;) !!! Un bacione Mua' Se vuoi curiosare nel mio blog: www.myspace.com/asteroideb612


 
Il commento di Giovanna 2 giugno 2007


Il diverso ci spaventa ma se facciamo uno sforzo arriva la curiosità e con essa l'interesse di capire l'altro...però ciò significa metterci in gioco guardarsi dentro senza ipocrisie e questo può far male. Se non ci impegniamo con noi stessi non saremo in grado di "mischiare le nostre vite"...Eppure basterebbe poco per cominciare. Spero che anche solo parlare di apartheid ci faccia comprendere. Grazie per il tuo impegno (eliminando il lei tolgo una barriera...) e buona fortuna per il film.


 
Il commento di Carmen 31 maggio 2007


No...speriamo non ci sia più sconfitta. E' vero, troppe volte la "paura della diversità" ci solletica l'anima tanto da piegarla in due. Così diventiamo paurosi dentro e superbi fuori quando ci troviamo a parlare con gli altri. Credo che al mondo d'oggi esista un razzismo "latente", ancora più pericoloso di quello manifesto. Non vedo l'ora di guardare il film, con la speranza che un domani, il bianco ed il nero possano fondersi in un unico colore. Tra nazioni diverse, tra regioni diverse, tra famiglie diverse. E tra uomini diversi. Un bacio Cristina!


 
 Con le parole e con le immagini: il blog di Cristina Comencini
 L'Italia non è un paese per donne
 Un nuovo film e un progetto molto importante
 Tornata.... finalmente.
 Un nuovo romanzo
 Giugno 2010
 Marzo 2010
 Dicembre 2009
 Febbraio 2009
 Ottobre 2008
 Luglio 2008
 Marzo 2008
 Febbraio 2008
 Gennaio 2008
 Novembre 2007
 Ottobre 2007
 Settembre 2007
 Luglio 2007
 Maggio 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Gennaio 2005
 Novembre 2004
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Agosto 2004
 Luglio 2004
copertina

Lucy
Compra su lafeltrinelli.it
Compra l'ebook - Epub
Compra l'ebook - Pdf
 La scheda autore di Cristina Comencini