Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Arabi Visibili: il blog di Paola Caridi
Il mondo perduto dei librai di Ezbekiyya 3 dicembre 2007


Allora sì che erano tempi d’oro. I giardini di Ezbekiyya, nel cuore di uno dei quartieri storici del Cairo. Ataba. C’era il lago, nel parco voluto da Mohammed Ali sul modello di quelli francesi, e lungo il perimetro del giardino si allungavano gli stand dei librai. Come sul Quai a Parigi. I ragazzi di allora, gli scrittori che erano giovani quando Gamal Abdel Nasser era al potere, i professorini, i potenziali intellettuali del nuovo Egitto, andavano dai “loro” librai di Ezbekiyya a prendere volumi usati, nuovi, antichi. Un libro, una panchina nel parco dove fermarsi a sfogliarlo, con calma. Per poi decidere se comprarlo, o invece ridarlo al libraio.
Era Ezbekiyya il vero caffè culturale del Cairo. Altro che Cafè Riche, o Zahret el Bustan. Ma i tempi passano. Ad Ezbekiyya il lago non c’è più. Ora c’è la più prosaica stazione della metro che vomita la folla sulla piazza di Ataba. Alla ricerca di qualsiasi cosa si possa comprare, in quello che è il vero e proprio Harrod’s a cielo aperto del Cairo. Un grande magazzino virtuale che si estende in quell’ampia superficie che sta tra downtown e il mercato di Khan el Khalili.
I librai, i vecchi librai ci sono ancora a Ezbekiyya. Confinati tra l’ingresso della metropolitana e il muro che è stato costruito accanto alla stazione di polizia. Per ragione di sicurezza. Decine e decine di bugigattoli in ferro, pieni sino all’inverosimile non più di chicche per estimatori. Ma di testi d’informatica, riviste, manuali scolastici usati. E magari bestseller taroccati. Cinque anni fa li avevano spostati, in blocco, nella zona vicino ai cimiteri. Trasloco temporaneo, avevano detto le autorità, per consentire i lavori della metropolitana, a due fermate dal Museo Egizio. E, in effetti, i librai ci sono tornati, vicino ai vecchi giardini. Chissà per quanto, però, visto che l’atmosfera tra gli stand è quella di un mercato in dismissione, e che sulla loro testa pende la spada di Damocle di un altro trasloco, sempre per costruire una nuova stazione della metro. E magari qualche altra cosa, in un quartiere dove la caccia al metro quadro da comprare e rivendere è senza scrupoli.
A difendere i librai di Sour el Ezbekiyya di tanto in tanto, sulla stampa nazionale, sono i loro vecchi clienti. Diventati, nel frattempo, gli scrittori di fama del paese. Ci passa ancora Gamal el Ghitani, l’anima della più importante rivista letteraria del paese. Oppure, sempre più di rado, Sonallah Ibrahim, l’uomo del gran rifiuto, che tre anni fa salì sul palco solo per rifiutare il più importante premio letterario del paese. Le pressioni degli scrittori, però, servono a ben poco per il futuro dei bugigattoli verde brillante di Sour el Ezbekiyya. “E’ calato il silenzio, ora”, commenta senza più speranza Harbi Mohaseb, il portavoce dei librai. Un uomo che, quando andrà in pensione, chiuderà bottega per sempre. I figli lavorano negli Emirati, fanno i contabili, perché lui aveva già capito per tempo che per un mestiere come il suo, passato di mano in mano per generazioni, non ci sarebbe stato futuro. Nel suo piccolo antro ricolmo di riviste di modernariato, che sa di petrolio per proteggere la carta dai topi, il sincretismo politico-religioso arabo c’è tutto. Un vecchio trafiletto ingiallito con la foto rassicurante e forte di Nasser, una immaginetta di Ahmed Yassin, lo sceicco di Hamas, e tra i due la moschea di Al Aqsa a Gerusalemme.
 
I vostri commenti
Il commento di Abdel Nur 5 dicembre 2007


Ataba sembra rischiare il destino di molti angoli di Cairo, e forse di porzioni crescenti dell'Egitto intero; il traffico cresce, inesorabilmente caotico, e con esso la disordinata costruzione di edifici, e l'inarrestabile flusso di persone che invadono spazi non più a misura d'uomo. Mi dicevano che pare siano circa due milioni, le persone che quotidianamente si riversano sulla già affollatissima capitale. Una libreria tradizionale, in questo senso, rappresenta davvera una sorta di estremo fortino, destinato ad essere travolto.


 
 Arabi Visibili: il blog di Paola Caridi
 Gli Arabi Invisibili in piazza!
 Viva la web-rivoluzione tunisina!
 Fuori dai sotterranei (italiani)
 UN SILENZIO TROPPO RUMOROSO
 Gennaio 2011
 Novembre 2010
 Luglio 2010
 Marzo 2010
 Dicembre 2009
 Novembre 2009
 Ottobre 2009
 Settembre 2009
 Luglio 2009
 Giugno 2009
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Marzo 2009
 Febbraio 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
 Agosto 2008
 Luglio 2008
 Giugno 2008
 Maggio 2008
 Marzo 2008
 Febbraio 2008
 Gennaio 2008
 Dicembre 2007
 Novembre 2007
 Ottobre 2007
 Settembre 2007
 Agosto 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
copertina

Hamas
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Paola Caridi