Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
22 aprile 2021
In Universale Economica
C'est Super! Il blog sul bien vivre di Piersandro Pallavicini
Massimo Caccia inaugura a Milano: la mostra di un artista x artista 24 settembre 2008


Massimo Caccia è un artista x artista che lavora a Milano e di cui si parla ancora troppo poco. I suoi quadri – e lui come persona: lo conosco bene, è un caro amico – sono così deliziosi che un blog sul bien vivre non può non parlarne.

Artista x artista, cioè artista al quadrato perchè oltre a dipingere conduce una vita che corrisponde a quel che la letteratura appunto racconta come: “vita d’artista”. Boheme, certo, ma anche soffitta per dipingere, mani sporche di smalto, abiti strampalati, una vespa per spostarsi, barba incolta, pensieri obliqui, umorismo surreale, e fumetti, cartoon, decorazioni per negozi e vetrine come lavoro per restare in vita. Insieme al dipingere, dipingere, dipingere.

Ora, letto questo, qualcuno potrebbe pensare: ecco il solito insopportabile individuo che si atteggia a artista. Beh, ci metto tutta l’enfasi che posso: invece no. Invece Massimo Caccia è così. E, lasciatemelo dire, è così - bohemien, con barba fuorimisura, vestiti bislacchi, soffitta e vespino - con squisito understatement.
Bene, oltre a essere una persona adorabile e un artista al quadrato, Caccia dipinge quadri bellissimi. Predilige i pannelli di legno colorati a smalto. Tinte piatte, linee essenziali e morbide, un impatto fumettistico, grande eleganza, grazia coloristica, e grande intelligenza nei soggetti. Qualcuno potrebbe avvicinarlo al superflat di Takashi Murakami, o al graffitismo di Keith Haring. Ma i quadri di Caccia sono i quadri di Caccia, ha uno stile così affinato da anni di lavoro che se queste influenze c’erano, ora si sono perse per strada.
Dai suoi quadri traspare quello che Caccia ha dentro: ironia, paura del mondo, tenerezza. Understatement. E poesia.
Possono coesistere understatement e poesia? Per di più in una muta opera figurativa?
Io dico di sì, eccome.

Per verificarlo, andate in via Fiori Chiari 12, a Milano, dove c’è la galleria Angel Art. Domani, 25 settembre, alle 18, Massimo Caccia inaugura una mostra personale di nuove opere, smalti su tavola che ha chiamato Still. Io purtroppo non potrò esserci. Andateci voi per me. Bellezza dei quadri a parte, alle inaugurazioni di Massimo ci si diverte, e ne vale sempre la pena.
[Aperto fino al 31 ottobre. Info www.angelartgallery.it]
 
 C'est Super! Il blog sul bien vivre di Piersandro Pallavicini
 Bar Trattoria Cento Torri, Pavia
 Un canzone per l'estate
 Da Portopeo, a Pavia: Mr. Stretta di Mano e Sguardo Altrove
 L'Unità, e l'interessante caso dei doveri dimenticati
 Settembre 2009
 Agosto 2009
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Marzo 2009
 Febbraio 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Novembre 2008
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
 Agosto 2008
 Luglio 2008
 Giugno 2008
 Super Restaurants
 entertainment
 cose
 Super Uomini
 scienza (bella, anzi: meravigliosa)
 Questo invece proprio no
copertina

Romanzo per signora
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Piersandro Pallavicini