Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
5 dicembre 2021
In Universale Economica
La posta del cuore: il blog di Piero Degli Antoni
Giusto o sbagliato 6 ottobre 2008


Cari lettori,

volevo sottoporvi un quesito a cui spesso mi è stato chiesto di rispondere. E cioè: è giusto o no tenere bigliettini, lettere, ma anche videomessaggi, filmati, registrazioni etc dell'ex? Insomma è giusta o no la gelosia "retroattiva" del compagno (o compagna, naturalmente) attuale verso i reperti sopravvissuti di un amore ormai scomparso (o forse no)? E' giusto pretendere che l'attuale compagno (compagna) distrugga ogni reminiscenza dei passati amori? O il fatto stesso che li conservi amorevolmente significa che non tutto, in fondo, è passato?
Mi piacerebbe sentire il vostro parere.
 
I commenti dell'autore
il passato non si cancella 18 novembre 2008


Il tuo commento mi tocca davvero. Perché è la dimostrazione di come il tempo non conti di nulla di fronte a certe emozioni. Anzi si ha la sensazione che le acuisca, anziché sbiadirle come troppo spesso si sente ripetere. Il tempo non aggiusta, anzi spesso complica tutto. Ci portiamo dentro nodi irrisolti che con i mesi - gli anni, nel tuo caso - diventano sempre più difficili da sciogliere. Tu hai tenuto dentro di te un amore irrisolto per tutti quegli anni finché qualcosa si è rotto e hai dovuto raccontargli tutto. Due vite parallele, le vostre, che si sono intersecate in punti molti distanti, qui e là nell'universo, e che invece avrebbero forse meritato di scorrere vicine, vicinissime, anzi sovrapposte. Questi amori nascosti si nutrono di lettere, appunti, bigliettini, conservati gelosamente e dissotterrati dalle nostra memoria quando temiamo di dimenticare. Residui che crediamo inerti e che invece di fronte a noi, all'improvviso, prendono vita in tutto il loro splendore.


 
vecchio mio 7 novembre 2008


Vedo che lei, caro lettore, è incline a un atteggiamento diremo così totalmente distruttivo nei confronti del passato sentimentale. Questo ci fa temere che le sue esperienze nel campo non siano state del tutto positive. Ci dica, per esempio, che relazioni intrattiene con le sue ex.


 
I vostri commenti
Il commento di sandra 15 novembre 2008


Non so se è giusto, forse no, ma lo facciamo sempre, tutti. A me lui scriveva poesie che poi, anni dopo, ha pubblicato e che io conservo gelosamente nell'ultimo cassetto del tavolo del mio ufficio. Io ancora lo amo profondamente e lui lo sa, ma la sua vita è cambiata negli anni in cui non ci sono stata. Io sposata e pure lui, ma nulla è squallido. E' l'anima gemella cui avevo rinunciato per non fare casini, perché non era giusto. Lui è andato lontano per lavoro perché nulla lo tratteneva più qui visto che non mi facevo più sentire. Sono stata 12 anni in silenzio (lui mi mandava poesie e frasi gentili). Il mio silenzio è stato un inferno che lui non ha mai conosciuto fatto di mancanza di depressione. Poi l'ho chiamato dicendo la verità.


 
Il commento di choukhadarian 6 novembre 2008


NO! Tutto dev'essere distrutto demolito abraso liquefatto spappolato. Niente deve rimanere di un commercio sentimentale erroneo.


 
 La posta del cuore: il blog di Piero Degli Antoni
 Giusto o sbagliato
 Il cognome dello zio
 Tutto è cominciato con "Tutta mia la città"
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
copertina

Quel che non è stato
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Piero Degli Antoni