Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
15 gennaio 2021
In Universale Economica
C'est Super! Il blog sul bien vivre di Piersandro Pallavicini
2009 cool, glam e cheap: a cominciare da una cena al Magorabin 30 dicembre 2008


Ristorante Magorabin, C.so S. Maurizio 61/B – Torino – 011.812 68 08 – chiuso la domenica – www.magorabin.com – Voto 9/10

Premessa e pentimento 2009. Glam Cheap è il titolo di un bellissimo romanzo di Lisa Corva ed è anche una bella keyword per prepararsi all’anno che viene. “Cheap & Cool” è l’etichetta applicata invece a una delle tendenze, o brutalmente “mode”, di questi ultimi tempi, ma è un altro modo di dirlo, un altro punto di vista sulla stessa cosa. Cioè: il lusso acquistato coi soldi a badilate ha stufato. O non ce la si fa più a permetterselo o – se ancora si può – possiede l’acre, esecrando aspetto dello schiaffo in faccia a quella folla che invece non ce la fa. Dunque ecco il senso del glam cheap, del cheap and cool: cose belle, invenzioni geniali, novità fascinose, luoghi d’estrema gradevolezza, ma a costi contenuti.
Quindi alt, stop, grazie e ciao: col nuovo anno prometto un cambio di direzione in questo “C’est Super”. E’ un blog sul bien vivre, e ci tengo a mantenere l’impronta. Ma proverò a cercare episodi e luoghi per una “bella vita” possibile, attuabile, e non ridicolmente dispendiosa. Magari anche un po’ cara, qualche volta, ma in questo caso dove quel che si paga valga fino all’ultimo centesimo la spesa.

Una gita a Torino, una cena al Magorabin. Per portarmi avanti con i propositi del 2009, ho cominciato quando il 2008 non era ancora finito, con una due giorni a Torino.
Torino è una città bellissima e piena di cose interessanti: mostre, musei, arte antica e contemporanea, eventi, tradizione e ricerca gastronomica, librerie, cinema, musica, caffè storici, arredi urbani d’artista, parchi, localini e localacci, scienza e tecnologia, editoria dotta e letteratura pop. Ci sono andato a fare un giro in quell’interregno, in quella quasi-settimana sospesa tra S. Stefano e l’ultimo dell’anno. A proposito di Glam Cheap: lo sapete che periodi come questi sono considerati talmente a-turistici per una città come Torino, che lussuosi hotel a quattro stelle offrono ottime stanze doppie a meno di 70 euro per notte? Leggi: meno di 35 euro a notte per persona, in un 4-stelle-4. Basta spendere 5 minuti su internet a cercare. E a Torino, in questi giorni, c’erano cose imperdibili. Matthew Barney alla Fondazione Merz, una collettiva di arte contemporanea tra il castello di Rivoli e la Fondazione Re Rebaudengo, per esempio. E un ristorante che puntavo da un po’, il Magorabin.

Che bella serata. Al Magorabin il servizio in sala è curatissimo, con ragazzi eleganti in completo grigio ad accoglierti, misurati e ossequiosi. La sala è raccolta, un numero contenuto di tavoli molto ben spaziati, direi per 30 clienti al massimo. L’arredo è caldo, con un tocco di tradizionale affiancato a un tocco di design modernista. Insomma c’è l’idea del lusso ma con niente che metta a disagio, niente che sappia di ostentato o di imposto da arredatori d’interni in preda a manie di grandezza o trip per l’oriente. La mise en place ne consegue: elegante, moderna ma, come dire: educata e cordiale. I menù li illustra Simona Beltrami, moglie del giovane chef Marcello Trentini, e anche a lei va il plauso per la perfetta miscela tra fascino, cordialità, misura e calore.
A propositò di menù, Magorabin si allinea perfettamente alla tendenza che mi pare di veder diffondersi qui e all’estero: stop alle degustazioni-fiume sopra ai 100 euro, numero contenuto di piatti, porzioni abbondanti, costi sensati. Qui c’è il menu “tradizione” a 35 euro per 4 portate. Un altro – quello di mare – a 48 per 4 portate. E infine, per chi vuole strafare, uno con 7 portate a sorpresa a cura dello chef, ma solo a 60 euro. Oppure ancora si va alla carta, e i costi oscillano tra i 15 e i 20 euro a piatto, con pochissime eccezioni. E anche la carta dei vini offre una selezione ampia, con costi che – sulle etichette che riconosco – sono direi miracolosamente quasi identici a quelli che trovate in enoteca, e dunque senza ricarico.
Poi aperitivo offerto ben dentro la tradizione: champagne con uno spruzzo di vino aromatico, ottimo e fantasioso cestino del pane e burro mantecato e aromatizzato da spalmare. Anche preantipasto e piccola pasticceria per chi prenderà il caffè saranno offerti. E anche coperto, acqua: tutto compreso nel prezzo. Insomma, voglio dire: rituali, stile e classe da Super Restaurant, ma a prezzi onestissimi, per un conto umano, ragionevole, affrontabile.
Ricordo con particolare sdilinquimento il coniglio con gamberi in pastella e crema di peperoni. O l’agnello su crema di piselli e salsa alla liquirizia. Belli, elegantissimi nella presentazione, colorati e armonici, lussureggianti al palato.
Sì, mi è molto piaciuta la cucina di questo bel ristorante accogliente, aperto già da 6 anni e che dal 2009 entrerà nel prestigioso circolo dei Jeunes Restaurateurs d’Europe. Trentini cucina con i piedi saldi per terra, cioè conscio della tradizione golosa piemontese, su cui applica variazioni e invenzioni sensate, di buon gusto, per niente frou-frou ma anzi ricche di intelligenza, di classe, di stile.
Abbiamo terminato la cena a fatica, satolli dopo portate abbondantissime, sia per chi ha scelto di andare alla carta sia per chi ha preso i menù degustazione. Trentini è uscito a salutate a fine serata, e abbiamo chiacchierato a lungo. Ho scoperto che ha i dreadlocks. Ho scoperto che legge Chuck Palahniuk. Ho scoperto che ogni giorno per lui è occasione di ricerca e invenzione, e che il menù di oggi avrà sempre qualcosa di diverso da quello di domani.
E ho scoperto, pagando il conto e uscendo, che il mio cuore non era afflitto (come da Bulgari o come da Cracco per esempio) da quella pesantezza – chiamala rimorso, se vuoi – per aver speso troppo. O più
del lecito, ecco. No, non è esattamente Glam Cheap, Magorabin. Alla fine 40, 50 anche 70 euro a testa li puoi tirare fuori, e lo so che su scala assoluta non è poco. Ma li vale tutti. E mangiare qui è un piccolo lusso, un moderato strappo alla regola che anche di questi tempi durissimi ci si può concedere senza scatenare un bombardamento atomico sul proprio conto in banca.

PS: l’immagine di questo post è tratta dal sito www.viaggiatoregourmet.com, alle cui eccellenti recensioni fotografiche rimando volentieri per quel che riguarda i dettagli, i tecnicismi e la pletora di informazioni che qui, giocoforza, lascio fuori

 
 C'est Super! Il blog sul bien vivre di Piersandro Pallavicini
 Bar Trattoria Cento Torri, Pavia
 Un canzone per l'estate
 Da Portopeo, a Pavia: Mr. Stretta di Mano e Sguardo Altrove
 L'Unità, e l'interessante caso dei doveri dimenticati
 Settembre 2009
 Agosto 2009
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Marzo 2009
 Febbraio 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Novembre 2008
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
 Agosto 2008
 Luglio 2008
 Giugno 2008
 Super Restaurants
 entertainment
 cose
 Super Uomini
 scienza (bella, anzi: meravigliosa)
 Questo invece proprio no
copertina

Romanzo per signora
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Piersandro Pallavicini