Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Pino Cacucci: blog per viandanti
Haiti, promemoria di Eduardo Galeano 1 febbraio 2010


Ieri sera, lunedì 1 febbraio, ho partecipato a una maratona di letture e musica nella libreria coop Ambasciatori, nel centro di Bologna, per una raccolta fondi per Haiti (organizzata da Roberto Morgantini, persona sensibile e affidabile che da tanti anni dedica tutte le sue energie ai migranti, dunque, so che questi fondi andranno a buon fine). Io ho letto uno scritto di Eduardo Galeano su Haiti, l'ho tradotto per l'occasione, non so se vi sia un'altra traduzione completa in internet, comunque, visto che diverse persone mi hanno chiesto il testo, lo metto qui.




La democrazia haitiana nacque… un attimo fa. Nella sua breve vita, questa creatura affamata e inferma non ha ricevuto altro che schiaffi.

Era appena nata, nei giorni di festa del 1991, quando fu assassinata dal colpo di stato del generale Raoul Cedras. Tre anni più tardi risuscitò. Dopo aver installato e cacciato tanti dittatori militari, gli Stati Uniti cacciarono e reinstallarono il presidente Jean-Bertrand Aristide, che era stato il primo governante eletto con voto popolare in tutta la storia di Haiti e che aveva commesso l’imperdonabile follia di chiedere un paese meno ingiusto.

Per cancellare le tracce del coinvolgimento statunitense nella sanguinaria dittatura del generale Cedras, i marines portarono via 160mila pagine di documenti dagli archivi segreti.
Aristide ritornò incatenato. Gli diedero il permesso di tornare al governo, ma gli proibirono il potere. Il suo successore, René Préval, ottenne quasi il 90% dei voti ma qualsiasi capetto di quarta categoria del Fondo monetario internazionale o della Banca Mondiale ha più potere di Préval, pur non essendo stato eletto dal popolo haitiano.
Più che il voto può il veto.
Veto alle riforme: ogni volta che Préval o qualcuno dei suoi ministri chiede credito internazionale per dare pane agli affamati, lettere agli analfabeti o terra ai contadini, non ricevono risposta, oppure, viene loro ordinato: “Imparate la lezione”. E poiché il governo haitiano non riesce ad apprendere che deve smantellare quel minimo di servizi pubblici rimasti, ultime povere protezioni per uno dei popoli meno protetti del mondo, i professori bocciano Haiti.

Gli Stati Uniti hanno invaso Haiti nel 1915 e hanno governato il paese fino al 1934. Si sono ritirati solo quando hanno ottenuto i due obiettivi primari; incassare il debito della City Bank e ottenere la deroga all’articolo costituzionale che proibiva la vendita di piantagioni a stranieri”. Il Segretario di stato americano dell’epoca Robert Lansing giustificò la lunga e feroce occupazione militare spiegando che “la razza nera è incapace di autogovernarsi, perché ha una tendenza profonda alla vita selvaggia, fisicamente incapace di civilizzarsi”, e William Philips, uno dei responsabili di quell’invasione, definì gli haitiani “popolo inferiore, incapace di conservare la civilizzazione ottenuta dai francesi”.
Haiti era stata la perla, la colonia più ricca della Francia, una immensa piantagione di canna da zucchero con manodopera schiava.
Montesquieu lo aveva detto senza peli sulla lingua: “Lo zucchero diverrà troppo caro se non saranno gli schiavi a lavorare per la sua produzione. Questi schiavi sono neri dalla testa ai piedi e hanno il naso così schiacciato che risulta impossibile pensare che Dio abbia dato loro un’anima”.

Secondo Linneo, contemporaneo di Montesquieu, “il negro è vagabondo, accidioso, negligente, indolente e di costumi dissoluti”, mentre per un altro loro contemporaneo, David Hume, “il negro può sviluppare certe capacità umane, come il pappagallo che impara a ripetere qualche parola”.

Nel 1803, i neri di Haiti assestarono una tremenda legnata alle truppe di Napoleone Bonaparte, e l’Europa non perdonò mai questa umiliazione inflitta alla razza bianca.
Haiti è stato il primo paese libero delle Americhe. Gli Stati Uniti avevano conquistato prima l’indipendenza, ma avevano ancora mezzo milione di schiavi nelle piantagioni di cotone e tabacco. Jefferson, che era proprietario di schiavi, diceva che tutti gli uomini sono uguali, ma diceva anche che i neri sono stati, sono e sempre saranno inferiori.
La terra haitiana era devastata dalla monocoltura dello zucchero e dai disastri della guerra contro i francesi, un terzo dell’intera popolazione era morta combattendo. A quel punto, iniziò il blocco. La nazione appena nata fu condannata alla solitudine. Nessuno comprava da Haiti, nessuno vendeva a Haiti, nessuno riconosceva Haiti.

Gli Stati Uniti avrebbero riconosciuto Haiti solo sessant’anni dopo, e intanto Etienne Serres, eminente studioso di anatomia, a Parigi scopriva che i neri sono primitivi perché nel loro corpo c’è troppa poca distanza tra l’ombelico e il pene. Allora, Haiti era ormai nelle mani di carnefici, dittature militari che destinavano le risorse del paese al pagamento del debito con la Francia: l’Europa aveva imposto a Haiti l’obbligo di pagare alla Francia un gigantesco indennizzo, come forma di perdono per aver commesso il delitto della dignità.

La storia di maltrattamenti ai danni di Haiti, che ai nostri giorni raggiunge dimensioni di tragedia, è anche una storia di razzismo nella società occidentale.

Eduardo Galeano

 
I vostri commenti
Il commento di Fabrizio Dentini 3 marzo 2010


Buongiorno, mi chiamo Fabrizio Dentini sono un giornalista e scrivo da Genova. Spero di parlare direttamente con Pino Cacucci. Comunque collaborando con la rivista A ho letto sul numero di marzo un articolo tuo e ho scoperto anche sei cresciuto a Chiavari. Io sto a Camogli. Insomma mi piacerebbe incontrarti per chiacchierare un pò dei racconti che nell'articolo hai solo accennato. Nel caso fossi disponibile potrei intervistarti per il mio blog di cui ti lascio il link. www.ilsecoloxxi.wordpress.com aspetto notizie sinceramente Fabrizio Dentini


 
Il commento di cosimo 7 febbraio 2010


quoto catia....condividete su FB...sarà + visibile pino ;)


 
Il commento di Giovanni Nostro 6 febbraio 2010


La lettura delle opere di Gaeano, a cominciare dal magnifico "Le vene aperte dell'America Latina" é stato un arricchimento fondamentale per la mia vita e per il mio modo di pensare. Niente é piú lo stesso dopo avere letto Galeano. Con dati di fatto tangibili e documentati, mi ha messo di fronte alla VERA Storia, quella Storia che prescinde dalle retoriche dei libri ufficiali. Una Storia di sconfitti e di sconfitte, tragica e crudele nella sua schiettezza e realisticitá. Ho vissuto 4 anni in Messico, e ci torno spessissimo e ci torneró a vivere presto: vista la situazione dell'Italia é, praticamente, la mia vera Patria. E lí, quello che scrive Galeano si puó toccarlo con mano ogni giorno, in ogni luogo. La tragedia di Haiti é, ancora una volta, una vena aperta in piú, un anello di sangue, crudeltá e cinismo affaristico che si aggiunge alla catena che gli USA hanno posto (e imposto) al mondo intero e, specialmente, ai propri sfortunati vicini. É scoraggiante vedere come, prima di qualunque sentimento umano, prevalga sempre la ragione del potere e del denaro. Purtroppo, non saranno certo i 200mila e oltre morti di Haiti a fare cambiare questa situazione. Passato l'evento mediatico, tornerá ben presto il silenzio sulle macerie di Haiti, e questo silenzio continuerá a nascondere gli eredi dei Tonton macutes e dei Papá Doc. Con ogni sua parola, Galeano scuote la mia rabbia e la mia indignazione...peró mi lascia un gusto amaro di rassegnazione e di impotenza. E il brutto di tutto questo é che ha ragione lui. Niente puó essere come prima dopo avere letto Galeano.


 
Il commento di Catia 4 febbraio 2010


Secondo me se fa una nota di questo scritto su FB è più visibile e condivisibile. Saluti Catia.


 
 Pino Cacucci: blog per viandanti
 ciao don Gallo
 tradurre è...
 Libia, ma che bel risultato...
 Il lungo addio di Laura Grimaldi
 Maggio 2013
 Aprile 2013
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Agosto 2011
 Giugno 2011
 Maggio 2011
 Aprile 2011
 Giugno 2010
 Febbraio 2010
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Febbraio 2009
 Settembre 2008
 Maggio 2008
 Gennaio 2008
 Novembre 2007
 Settembre 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Luglio 2006
 Maggio 2006
 Dicembre 2005
 Ottobre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Marzo 2005
 Ottobre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
copertina

La memoria non m'inganna
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Pino Cacucci