Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Pino Cacucci: blog per viandanti
Favola del Terzo Millennio 28 aprile 2011


“Ora basta: bisogna fare qualcosa!” conclusero in coro i Grandi Saggi delle Galassie.
Quel piccolo pianeta, la Terra, era in condizioni disastrose. I suoi abitanti non erano tutti cattivi, ma avevano sviluppato un sistema di convivenza demenziale. Secondo gli ultimi dati, 125 uomini possedevano la metà delle ricchezze globali: assurdo. E le 3 persone più ricche della Terra avevano un patrimonio superiore alla somma del prodotto interno lordo delle 48 nazioni più povere: incredibile. Questo faceva sì che in nome del profitto sfrenato si stesse distruggendo in modo irreversibile ogni equilibrio ecologico.
Sì, era giunto il momento di fare qualcosa. E i Grandi Saggi scelsero una soluzione semplicissima. C'era una rivista terrestre, Forbes, che pubblicava ogni anno l'elenco dei cento uomini più oscenamente ricchi. E i Grandi Saggi inviarono un raggio che incenerì in un nanosecondo quei cento uomini.
Lo sconcerto si impossessò dei rimanenti ultrasupersbracamiliardari, che ordinarono agli apparati militari di bombardare qualche paese povero accusandolo di terrorismo, ma poi, l'anno seguente, i primi cento della lista finirono egualmente arrosto. E così il terzo, e il quarto... finché si scatenò una “spontanea” quanto febbrile gara a non essere ricchi: siccome nessuno voleva in regalo strabilianti proprietà, queste si diluirono nel possesso collettivo, e si scoprì che per vivere non era strettamente necessario avere dieci elicotteri-cinque aerei-quaranta ville-mezza Patagonia-mille fabbriche, scomparvero banche e borse, e la produzione e i servizi migliorarono perché affidati a cooperative e stati sociali esenti dall'assillo di accumulare soldi.
Per qualche tempo, la Terra assomigliò a un luogo vivibile e sano, l'inquinamento diminuì enormemente e i terrestri impararono a godere dell'ozio e degli svaghi che la libertà dal profitto concedeva loro, appassionandosi a lavori socialmente utili.
Ma fu sufficiente che i Grandi Saggi rivolgessero altrove la loro attenzione, perché in capo a un decennio tutto tornasse come prima.
 
I vostri commenti
Il commento di simonajane civiero 30 aprile 2011


.....e poi che ci sarà un 4 pianeta......fino all'infinito.....entriamo poi in un mondo tridimensionale...quadridimensionale....troppo complicato sono trattati fisici....sei grande p.cacucci


 
Il commento di PierBrunetta 29 aprile 2011


Eh caro Dottor Cacucci...Lei continua a vivere nel mondo delle favole...qui bisogna lavorare, produrre, guadagnare, spendere e di nuovo ricominciare...invece Lei, fancazzista della prima ora, cosa fa ? Si vergogni!!


 
Il commento di wu ming0 29 aprile 2011


ero in libia fino a tre giorni fa. qualche notte fa siamo fuggiti da misurata... eravamo sul casone di un camion... lo so che farai fatica a crederci, ma da uno zaino un compagno tedesco tirò fuori un libro e mi chiese se volessi leggere qualcosa: era "ribelli"... e mi sorpresi, dopo anni, a ricordare a memoria la frase finale dell'introduzione.... ti abbraccio.


 
 Pino Cacucci: blog per viandanti
 ciao don Gallo
 tradurre è...
 Libia, ma che bel risultato...
 Il lungo addio di Laura Grimaldi
 Maggio 2013
 Aprile 2013
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Agosto 2011
 Giugno 2011
 Maggio 2011
 Aprile 2011
 Giugno 2010
 Febbraio 2010
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Febbraio 2009
 Settembre 2008
 Maggio 2008
 Gennaio 2008
 Novembre 2007
 Settembre 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Luglio 2006
 Maggio 2006
 Dicembre 2005
 Ottobre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Marzo 2005
 Ottobre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
copertina

La memoria non m'inganna
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Pino Cacucci