Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Tre Metri Sopra il Cielo: il blog di Federico Moccia
Ma come...!?! 15 maggio 2012


La mia risposta all'articolo di Aldo Grasso sul Corriere della Sera di domenica 13 maggio. "Albert Camus diceva che l'arte contesta il reale ma non vi si sottrae. Non mi definisco artista. E nemmeno scrittore o autore o creativo o guru o altro del genere. Sono solo un uomo. Accezione semplice e complessa allo stesso tempo. E in quanto uomo mi metto in gioco, sperimento, rischio, sbaglio e imparo. Non amo le contestazioni gratuite e pretestuose. Mi piacciono le osservazioni costruttive. E me le aspetto sempre quando a parlare sono persone di oggettiva e comprovata intelligenza e cultura. Perché ho scomodato Camus? Perché quel che afferma mette in relazione arte (qualunque accezzione essa assuma per ciascuno di noi) e vita concreta. Amo inventare storie che poi diventano libri. Il valore eventuale degli stessi lo decidono i lettori. Si chiama libertà di scelta.
Qualche giorno fa sono tornato dall’Argentina dove ho presentato il mio ultimo libro L’uomo che non voleva amare. Sì, è stato tradotto anche lì. Dovete sapere che i miei libri vengono letti in 15 paesi di Europa e poi in Brasile, in Giappone, in Cina. Pensate che in Spagna nel 2010 e nel 2011 sono stato l’autore più venduto, più dello stesso Carlos Luis Zafon, e nessun giornalista ha mai riportato queste notizie. Eppure, ho pensato, a qualcuno potrebbe interessare! Sono sicuro che ci sono ancora tante persone alle quali potrebbe far piacere che un italiano ha successo all’estero. Ma con tutto quello che succede qui in Italia è anche giusto che i giornalisti si occupino di altro. E invece ieri mentre facevo colazione, in quello splendido momento dove il profumo del ciambellone si mischia con quello del caffellatte, quando sei sereno e visto che c’è anche il sole già ti immagini la bella passeggiata che farai, improvvisamente mi sono strozzato. Un giornalista mi ha dedicato la sua attenzione: Aldo Grasso. Il suo articolo inizia così: “Scusa ma ti chiamo sindaco”. Fa il verso al mio libro Scusa ma ti chiamo amore ma non fa ridere, mai, critica e basta. Sì, è vero, sono stato eletto sindaco del piccolo comune Rosello e del suo borgo Giuliopoli. Ora però vi voglio raccontare bene come è andata e perché. Un giorno degli amici di Rosello e Giuliopoli, posti dove vado da anni in vacanza, mi hanno chiamato al telefono: “Ti potremmo parlare?” “Certo”. E così sono venuti fino a Roma e dopo avere preso un caffè, me lo hanno chiesto: “Noi vorremmo che tu diventassi il nostro sindaco, per avere un po’ di visibilità. Vorremmo dare un’ occasione ai nostri ragazzi, che possano aprire un bed and breakfast o una piccola pizzeria che si chiameranno magari con uno dei titoli dei tuoi libri che hanno avuto successo nel mondo, così che i giovani non lascino il nostro paese...” Ecco, queste ultime sono state le parole che mi hanno convinto. “Dovresti venire su e giù con la macchina (sono più di 250 km ) però non abbiamo la possibilità di darti nessun rimborso…” Non c’è problema, ho pensato. In fondo questa è un’Italia che è stata messa in ginocchio da gente che si è approfittata sempre di tutti. Ora invece tu, o meglio il tuo successo, ti sta offrendo la possibilità di poter essere utile a qualcuno, aiutare il comune di Rosello e il borgo di Giuliopoli, oltretutto sono persone affettuose, sono parenti di tua moglie. Mi sono lasciato convincere perché credo che in questo momento ci sia veramente bisogno di rimboccarsi tutti le maniche. Così a rimborso zero ( e con qualche spesa di sicuro!) decido di accettare questa sfida: rendermi utile.
Ecco, ma perché tutto questo Aldo Grasso non lo ha detto? Perché ha inventato dei lati negativi che non esistono? Perché non ha considerato gli aspetti positivi di una vicenda del genere? Perché parlando dei giovani nel suo articolo dice che “purtroppo” molti hanno letto i miei libri? Preferiva forse che non leggessero? Perché pensa che uno che scrive una frase d’amore non possa essere un buon sindaco e soprattutto onesto? Io non ho detto che sarò un “bravo” sindaco ma che mi impegnerò. Non capisco. Inoltre nel suo articolo ci sono varie imprecisioni. Il libro e il film che hanno lanciato la moda dei lucchetti non è Tre metri sopra il cielo ma Ho voglia di te. Non è vero che farò lì il ponte dei lucchetti ma è vero che cercheremo di rilanciare in tutti i modi le piccole possibilità di questi due paesi. Non è vero che il sindaco Gianni Alemanno ha fatto togliere i lucchetti da Ponte Milvio ma li ha solo spostati lì vicino. Infine Aldo Grasso ha copiato in maniera inesatta un brano del libro tre metri sopra il cielo. La mia frase diceva: “Ho paura dei giorni che verranno, di non farcela a resistere, di quello che non ho più , di quello che sarà preda dei venti.” Ecco lui hai tolto la parola “preda”. Per lui magari non ha valore, magari dirà: “ Ma che sarà mai, era solo una parola…”. Ma vede Grasso, “preda dei venti” era una citazione della bellissima canzone di Battisti e Mogol, è quel momento disperato, quando una storia d’amore finisce, quando si prova quel dolore immenso direttamente proporzionale a quanto si è amato. La verità è che, ottimista quale sono, io mi sarei aspettato da lei una pacca sulla spalla, che ne so, un piccolo elogio da parte sua: “E bravo Moccia, in fondo te ne saresti potuto fregare di quella richiesta e invece ti sei messo in gioco per aiutare un piccolo comune, per dargli un po’ di visibilità e magari qualche posto di lavoro in più!” Caro Grasso, il suo lavoro è criticare ma in questo caso lei ha provato solo a distruggere invece che costruire. Peccato, sarebbe ora invece che tutti insieme iniziassimo a pensarla diversamente. Le chiedo solo una cosa: almeno impari a copiare."
 
I vostri commenti
Il commento di Ruggero Gigli 23 aprile 2013


Grazie, Federico. Ci vorrebbero un pò più di Italiani come te, in Italia. Io ne conosco parecchi ma, purtroppo, la loro riservatezza e serietà li fa scomparire, a confronto della arrogante intraprendenza degli altri... Non crerdo che tu abbia fatto il "diavolo a quattro" per essere sindaco, ma sono convinto che sarai un buon sindaco; intanto un sindaco onesto. Buon lavoro e... tanti complimenti per le tue storie, da parte di uno che ama immaginare storie e, qualche volta, scriverle


 
Il commento di Manuel Torres 13 aprile 2013


Hola Sr. Moccia. Primeramente quiero decirle que sus obras son excelentes, gracias por escribirlas. Yo soy de México, y me preguntaba si habría manera de conseguir algun ejemplar autografiado por usted de Tres Metros Sobre el Cielo (tre metri sopra cielo) seria para una ersona muy querida para mi. No se si habra alguna dirección a la cual pueda escribirle como para enviar un libro y poder obtener su firma. Seria para ella el mejor regalo de cumpleaños. Muchas gracias por su tiempo. Saludos.


 
Il commento di clara 25 febbraio 2013


ciao fede sei un grande mi hai ftt sognare x anni con i tuoi libri e spero lo continuerai a fare perche sei un grande l'unica pecca è stato non vedere step e babi inx comunque ci sara un seguito di ho voglia di te?se si fai che step e babi ritornino inx perche non importa com'è la realtà noi vogliamo sognare e te lo dice una che ha 26 anni grazie fede se lo farai!un bacione da una tua grandissima fan


 
Il commento di Ayshe 7 febbraio 2013


Non lo so italiano ... Non so se il traduttore tradotto. Cercherò di dire quello che voglio. Hai un libro meraviglioso. Recentemente, ho guardato il film spagnolo * Tre metri sopra il cielo *. 1 film, mi è piaciuto molto. E 'un capolavoro. Ma qui ci sono 2 film ... cambiato tutto. Voglio dire i sentimenti ei pensieri dei personaggi. Mi ha lasciato con l'impressione di incompletezza, e spero di continuare la storia. Durante l'incontro, non erano * 3 metri sotto il livello del suolo *. Quando dire addio, piange ... Mi fa male ... e gocce di pioggia ... Lacrime? Così vivo il loro amore ... Djin è solo un sesso ... non l'amore. * Voglio che tu * e * amore * - due cose diverse. Si prega di ... I tuoi personaggi sono cresciuti e sono stati in grado di apprezzare l'amore che è quasi persa. Lascia che sia il completamento della storia ... Spero che chiamano * Ti amo *! Grazie ... per questo libro, che non è ancora. Ma che sarà. Io ci credo.


 
Il commento di Ayshe 7 febbraio 2013


Sono affascinato dai tuoi libri. Grazie per il vostro lavoro. La prego di dirmi se la terza possibili * Tre metri sopra il cielo *? Questo è il libro più atteso o un film per milioni di tuoi fans.


 
Il commento di Ayshe 7 febbraio 2013


Sono affascinato dai tuoi libri. Grazie per il vostro lavoro. La prego di dirmi se la terza possibili * Tre metri sopra il cielo *? Questo è il libro più atteso o un film per milioni di tuoi fans.


 
Il commento di Ania 31 gennaio 2013


Hello, In your book "Tres metros sobre el cielo" you have written "You can see as somebody more and more is moving away... Never mind.... We are for oneself created... Someday We will meet". Now we are waiting for HAPPY END;D Babi and Hache;) Please don't destroy our faiths in true love and destination;) Greetings from Poland.


 
Il commento di sara 26 gennaio 2013


ciao federico vorrei sapere se ci sarà un terzo capitolo di tre metri sopra il cielo con step e babi di nuovo insieme perche a me e moltissime amiche piacerebbe di nuovo vederli insieme visto che per molti ho voglia di te è stato molto amaro e tuttora penso che l80% voglia un terzo capitolo grazie fede un bacione


 
Il commento di silvia 7 gennaio 2013


vorrei sapere se ci sarà la continuazione di "l'uomo che non voleva amare" perchè la fine mi ha sorpreso tantissimo, vorrei, da romanticona, che tancredi e sofia possano stare insieme, magari con delle difficoltà ma che alla fine possano stare insieme per sempre e magari leggere che si sposano ecc ecc... forse chiedo troppo però....comunque il libro é bellissimo


 
Il commento di Gaby 18 novembre 2012


I send you a big hello. I recently looked at two films, tres metros sobre el cielo and tengo ganas de ti. Both films are excellent, and I believe that books are even better. I think you should write a third part because we all wait for. I hope that in the third part Babi and Step be together.


 
Il commento di maria g. 27 ottobre 2012


sai...è bello sapere che esistono persone come te.Sapere che non tutto è grigio e sporco e truffaldino.Sapere che possiamo essere felici anche solo con pane..amore e fantasia.


 
Il commento di maria g. 27 ottobre 2012


purtroppo in una società in cui nessuno fa nulla per nulla, le poche persone che liberamente e gratuitamente vogliono dare un contributo non vengono credute, non si pensa alla buona fede ma sempre al tornaconto... Ma tu continua!


 
Il commento di Alessia De Nardi 21 ottobre 2012


Buonasera, (sì lo so: è un introduzione banale) sono una ragazza giovanissima e frequento il liceo classico... Ma non c'entra. Mi piace molto scrivere e soprattutto leggere, ho letto tutti i suoi libri (posso darle del tu?!) e devo farti i complimenti perché oltre alle trame fantastiche, sono scritti pure bene. Mi piace tantissimo come scrivi! Grande! Ecco, mi sono lasciata andare... Ho cercato in tutti i modi di contattarti ma senza risultati: non mi resta che provare qua! Volevo scambiare qualche parola riguardo alla scrittura e alla lettutura, poi dovevo chiederti il parere su una piccola cosa, ma molto importante (niente a vedere con questioni di cuore come può sembrare). Potresti darmi il tuo indirizzo mail?! Mi faresti la persona più felice della terra, poter "parlare" con te è il sogno di una vita...! Grazie, veramente!
Aspetto, un saluto da una tua ammiratrice: Alessia.
P.S.= Per favore! Mi va bene qualsiasi cosa: indirizzo mail, anche un numero di telefono, perfino l'indirizzo di casa..le scriverei una lettera! Qualsiasi cosa pur di contattarla!)
federico per Alessia De Nardi


Ciao! Scusa il ritardo... Grazie per i tuoi complimenti. ci sentiamo presto.


 
Il commento di Elio Iaia 18 settembre 2012


ahah divertente! Chi l'avrebbe mai detto che ora proprio tu (spero possa darti del tu) saresti diventato addirittura sindaco! Cioè, agli antipodi di quello Step magari che vive lì nel tuo paesino e che verrà a inzozzarti una parete comunale con una frase romantica magari, e poi arriverai tu e che farai...ahah la farai togliere o ci sorriderai su? :) eh la vita... caro Federico...non ci conosciamo ma ti ho letto in tutti i tuoi bei libri...in bocca al lupo x questa nuova esperienza! Elio da Ostuni.
federico per Elio Iaia


Grazie e crepi il lupo!!!


 
Il commento di ILARIO 11 settembre 2012


Caro Moccia, sono Ilario D'Alanno sul blog di tre metri sopra il cielo ti ho lasciato mesi fa un commento. Ultimamente ho avuto modo di consegnarti il mio libro "Una vita che cambia" durante la presentazione del tuo nuovo romanzo a Torricella Peligna. Mi piacerebbe poterla incontrare meglio per avere consigli inerenti alla pubblicazione del mio secondo libro (è difficile trovare editori che non chiedono denaro all'autore) o magari una collaborazione nella stesura della prefazione.
federico per ILARIO


ti scrivo alla tua mail nel caso? Grazie


 
Il commento di vale 30 agosto 2012


ciao... so che non è il luogo giusto ma nn so come altro contattarti vorrei un parere su una storia... spero di riuscire a parlarti... grazie in anticipo
federico per vale


Questa qui vicino è la tua mail?


 
Il commento di luciana 4 agosto 2012


Ho tanta rabbia dentro Sig. Moccia, posso capire il suo stato d'animo nell'aver letto le critiche del Sig. Grasso perchè lo stesso non ha mai conosciuto, secondo me, la parola amare profondomente una persona, sicuramente è uno di quei signori che nn sa cosa significhi la parola altruismo e quanto bene faccia alla propria persona aiutare gli altri per sentirsi gratificati. Persone cosi proveranno prima o poi le pene d'amore per poi dire '' aveva ragione quel Sig. MOccia''
federico per luciana


La vedo difficile... quelle persone non si innamorano mai.


 
Il commento di Andrea 27 giugno 2012


Buongiorno Federico, mi chiamo Andrea, sono abruzzese e mio padre è nativo della provincia di Chieti. Innanzitutto Le faccio i miei migliori auguri in quanto ho letto da internet che è diventato papà! Le scrivo sia perché è sindaco del paesino di Rosello e sia perché è uno scrittore. Pur vivendo da tanti anni fuori dall'Abruzzo, sono molto legato alla mia terra e alle sue tradizioni, che purtroppo sono poco o per nulla rappresentate in Italia. Penso alla Puglia, a Napoli, alla Sicilia, alla Calabria, spesso e volentieri si trovano romanzi (e anche fiction televisive) ambientate in quelle regioni, ma nella mia terra non viene fatto poco o nulla, soprattutto niente che metta in evidenza le sue tradizioni, i suoi costumi e il suo dialetto. Il capolavoro di Monicelli "Parenti serpenti" è ormai molto lontano, ancor più lo sono le opere di Ignazio Silone, mentre fanno parte della letteratura "classica" quelle di D'Annunzio. Eppure l'Abruzzo ha tanto da raccontare, con le sue tradizioni, i suoi paesaggi, i suoi misteri, ed anche la sua cucina! Un Abruzzo ancor più ferito dal recente terremoto, del quale ormai non se ne parla più da tempo e abbiamo il nostro capoluogo di regione ancora da ricostruire. Le scrivo questa mail con l'intento di "ispirarle" un romanzo, una storia scritta nella nostra amata regione, dalla quale magari si possa poi trarre una fiction (anche semidialettate come "Il giovane Montalbano"), di modo che gli italiani abbiano a conoscere la nostra cara terra. La saluto e Le rinnovo gli auguri per la bella notizia! Andrea Pietropaolo
federico per Andrea


Ciao, potrebbe essere una bellissima idea, mi auguro che esca qualcosa di buono...


 
Il commento di sandra 19 maggio 2012


holaaa yo no hablo italiano pero me encantaaa tus novelas federico hace poco que las conoci pero me enomere de cada una de ellas y quiero saber si es que hay una continuacion de "tengo ganas de ti"enserio deria increible que alla por que aunque me encanta la novela no me convensio mucho su final... y PORFAVOR LES PIDO QUE ALGUIEN ME RESPONDA..GRACIAS:)
federico per sandra


Claro que sì... ma no es facile!


 
 Tre Metri Sopra il Cielo: il blog di Federico Moccia
 Quell'attimo di felicità...
 Ma come...!?!
 I sogni...
 Vivere...
 Giugno 2013
 Maggio 2012
 Dicembre 2011
 Marzo 2011
 Febbraio 2011
 Gennaio 2011
 Dicembre 2010
 Maggio 2010
 Febbraio 2010
 Dicembre 2009
 Ottobre 2009
 Agosto 2009
 Luglio 2009
 Marzo 2009
 Febbraio 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Novembre 2008
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
 Giugno 2008
 Maggio 2008
 Aprile 2008
 Marzo 2008
 Febbraio 2008
 Dicembre 2007
 Novembre 2007
 Ottobre 2007
 Agosto 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Settembre 2006
 Agosto 2006
 Luglio 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Agosto 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
copertina

Amore 14
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Federico Moccia