Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
7 marzo 2021
In Universale Economica
Marosia Castaldi: A vivere si impara
Autoritratto 12 luglio 2004


Del nostro corpo, senza uno specchio, vediamo solo gambe, piedi, mani, un pezzo delle braccia, un po’ di busto fino al segno della vita. Non ci vedremo mai la faccia. Quella la può vedere solo un altro, o la può riflettere uno specchio.

 
I vostri commenti
Il commento di francesca78 21 luglio 2004


A volte vedo anche il mio viso...e non in uno specchio, ma riflesso negli occhi trasparenti del mio amore, e quando questo succede mi sento felice.


 
Il commento di matilde 20 luglio 2004


E delle piante dei piedi? Cosa mi dici? Quelle anche con lo specchio non le vedi! Voglio fare un elogio ai piedi, ai calli, ai duroni che descrivono l'andatura, la pesantezza, la scioltezza, la disinvoltura, la stanchezza... Che parlano di cura e trascuratezza, di moda e di qualunquismo, di ricercatezza, di pulizia, di povertà.Parlano di km di strade, di sentieri, di pavimenti, di moquettes, di parquetes, di marmo, di graniglia, di ghiaia, di pietra, di terra, di sabbia, di mare, di ruscello....


 
Il commento di Pasquale 15 luglio 2004


Serve sapere com'è la nostra faccia ? Oppure possiamo basarci sullo sguardo degli altri per sapere cosa pensano di noi, di come siamo dentro ed eventualmente anche di che aspetto abbia la nostra faccia. Non ricordo mai la faccia intera delle persone. Solo l'intesità dello sguardo e, se me ne hanno fatto dono, del sorriso.


 
Il commento di Roberta 12 luglio 2004


Non ci avevo mai pensato.... Mi penso sempre dal collo in giù e, se penso al viso, è truccato. Io che non mi trucco mai. Un bacio e a presto. Roberta.


 
Il commento di francesca 12 luglio 2004


Mia sorella gemella mi guarda, ha gli occhi di acqua densa e bagnata, mi guarda e mi dice che begli occhi che hai, è il mio specchio. Mia sorella ed io viviamo nel mondo asciutto che conosce solo specchi di vetro. I suoi capelli le sono cresciuti lungo la schiena, i miei sono rimasti corti. A volte non ci riconosciamo più. Nelle parole che saltano dalle pagine dei tuoi libri rivedo frammenti di specchio, di occhi, di me persa nel mondo che mi cade addosso. Grazie.


 
 Marosia Castaldi: A vivere si impara
 il Natale
 i morti restano nei vivi
 in spem contra spem
 La felicità
 Febbraio 2013
 Gennaio 2013
 Dicembre 2012
 Novembre 2012
 Ottobre 2012
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Giugno 2012
 Maggio 2012
 Aprile 2012
 Marzo 2012
 Febbraio 2012
 Gennaio 2012
 Dicembre 2011
 Novembre 2011
 Ottobre 2011
 Settembre 2011
 Luglio 2011
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Agosto 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
 Febbraio 2004
 Gennaio 2004
copertina

Paesaggio della stanza
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Marosia Castaldi