Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Pino Cacucci: blog per viandanti
Quel 2 dicembre del 43, mio padre... 15 maggio 2004


"Chiedo scusa se vi parlo di"... mio padre.
Il 2 dicembre 1943 Valerio Cacucci stava per compiere quindici anni e si trovava nel porto di Bari, dove faceva il garzone di bottega da un barbiere. La rada e i moli erano un'unica distesa di navi da guerra e da trasporto alleate. La Luftwaffe sferrò un contrattacco fra i più nefasti dell'intera guerra, così disastroso che il generale Eisenhower avrebbe scritto nelle sue memorie: "Subimmo la più grave perdita inflittaci da attacco aereo dell'intera campagna del Mediterraneo e in Europa". Delle 30 unità presenti 17 furono affondate e 8 gravemente danneggiate. Tra esse c'era la USS John Harvey, che trasportava a bordo ben duemila bombe all'iprite.
Il comando statunitense impose una rigorosa censura militare perché la notizia non trapelasse. L'iprite era stata messa al bando dalla Convenzione di Ginevra fin dal 1925. Il nome del terribile “gas mostarda” si doveva alla cittadina belga di Ypres, dove venne impiegato per la prima volta dagli Imperi Centrali nella Grande Guerra. Migliaia di persone morirono a Bari per le esalazioni e i fumi. Mio padre si prodigò, come tutti, a tirare fuori dalla melma di nafta - e iprite, ma nessuno poteva immaginarlo - i feriti agonizzanti. La pelle si staccava, afferrare i vestiti intrisi significava ustionarsi le mani. Mio padre, come l'intera città di Bari, si salvò grazie al provvidenziale vento da ponente a levante che portò i gas venefici al largo. Negli anni del dopoguerra, la Marina Militare italiana obbedì alla consegna di non suscitare attenzione sulla vicenda: gli ordigni all'iprite non esplosi che vennero recuperati, furono rigettati in mare aperto. Ecco perché, da allora a tutt'oggi, si sono registrati almeno 250 casi di pescatori gravemente ustionati e intossicati, con almeno 4 morti accertate.
Mio padre mi ha raccontato spesso di quel giorno d'inferno nel porto di Bari, il 2 dicembre del 1943. Io sono nato l'8 dicembre, lui il 15: dicembre, un mese fatidico in famiglia, quando l'iprite risparmiò chissà come il ragazzino Valerio. Oggi, che mio padre ha smesso di soffrire dopo una lunga malattia, quel ricordo mi torna più vivido che mai, e mi sembra intollerabile che se ne parli così poco, del crimine di guerra di Bari.
Ma ogni guerra è un crimine, e lascia in eredità orrore per svariate generazioni.


 
I vostri commenti
Il commento di Alexia 4 gennaio 2005


Mia zia morì nel 1955 a 15 anni per una sospetta leucemia, spesso giocava vicino al porto. Può essere stata una conseguenza dell'iprite?


 
Il commento di fabio clary 10 luglio 2004


mia madre angela,quel giorno giocava fuori piazza mercantile,fu investita dalle polveri dell'esplosione,ma era viva.Nel 1960 si ammalò di leucemia ,nel 1964 a soli 29 anni morì,solo un caso?


 
Il commento di wolverine 28 maggio 2004


Il leggerti mi ha sostenuto in momenti difficili...qualche mese fa. Sono felice di poterti scrivere. Oggi ti ho dedicato un post nel mio blog. Se passerai a trovarmi, ne sarò onorato. Continua così. Sei grande. http://binarioloco.splinder.it


 
Il commento di valentino 21 maggio 2004


Sono uno studente trentino e da qualche tempo mi sto interessando al disastro che quel 2 dicembre 1943 e' accaduto a Bari. Al proposito ho cominciato a svolgere una ricerca storica per la scuola, leggendo forse l'unico libro riguardante la tragedia: "Disastro a Bari" di uno scrittore americano. Questa ricerca vorrei esporla anche all'esame di stato che dovro' affrontare tra qualche settimana. Puoi aiutarmi ad avere qualche informazione esclusiva, o mettermi in contatto con qualche esperto nell'argomento? Ti ringrazio e scusami se ti ho riportato alla mente brutti pensieri... valentino


 
 Pino Cacucci: blog per viandanti
 ciao don Gallo
 tradurre è...
 Libia, ma che bel risultato...
 Il lungo addio di Laura Grimaldi
 Maggio 2013
 Aprile 2013
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Agosto 2011
 Giugno 2011
 Maggio 2011
 Aprile 2011
 Giugno 2010
 Febbraio 2010
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Febbraio 2009
 Settembre 2008
 Maggio 2008
 Gennaio 2008
 Novembre 2007
 Settembre 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Luglio 2006
 Maggio 2006
 Dicembre 2005
 Ottobre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Marzo 2005
 Ottobre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
copertina

La memoria non m'inganna
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Pino Cacucci