Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
22 aprile 2021
In Universale Economica
Marosia Castaldi: A vivere si impara
Una lettera 2 settembre 2004


Stanotte ho scritto una lettera lunga alle mie figlie. Non sapevo nemmeno che cosa avevo scritto. Non volevo rileggere. Poi ho riletto. Non volevo che la lettera facesse loro male. Il padre è andato da tempo via di casa. Soffrono come soffro io, ma ora soffriamo meno. Ora guardo le cose da lontano. Per questo ho potuto scrivere una lettera alle figlie. Rileggendo, sentivo un tono appassionato ma anche lievemente zuccherino. Ma come? Io che ho rotto piatti, urlato, io che ho detto: “E’ uno stronzo vostro padre”, ora scrivo questa lettera per dire alle mie figlie che la vita è una prateria immensa piena di bellezza e di cavalli liberi e selvaggi e che nessuno ha colpa veramente, che, anzi, è meglio se questa parola la eliminiamo dal nostro linguaggio familiare. Sono proprio io che ho scritto? Sì sono io.Non sono mai stata una madre che tappa le ferite, che dice: “E’ buono” anche se lo odia, ma ora guardo le cose da lontano. E quando si guarda da lontano si comincia morire un poco dentro, ma è una buona morte. E’ accettare che tutto può morire: un amore,una casa,un desiderio. E tuttavia, attraverso tutte queste morti, si strappano catene. Allora , morendo, si comincia a vivere di nuovo. Ti dai e dai agli altri la libertà di andare, perfino quella di morire. Dura un istante questa libertà così assoluta vivendo nella quale ho scritto alle mie figlie. Magari domani di nuovo dirò le mie cattive parole e parolacce che loro non ripetono mai, forse perché sui ragazzi la libertà lascia un marchio molto più marcato. Siamo noi adulti che creiamo le catene.

 
I vostri commenti
Il commento di alex 6 settembre 2004


Ohoh... se scripta manent non sarà desiderio di lasciare "visioni" politically correct di quel che un giorno sarai per loro?! Mio figlio, 4 anni, mi ha chiesto chi ha rubato la piccola Denise e perché quei bimbi correvano nudi fuori dalla scuola... forse se scrivessi lui sarei più tenero che a parole ma per fortuna non sa ancora leggere.


 
Il commento di Silvano 2 settembre 2004


La morte non è mai buona. E' morte e basta. Guardare da lontano non significa necessariamente cominciare a morire, forse è solo incapacità a vedere e non semplicemente a guardare. E' la vita che è bella, perchè vita, con le parolacce, con le catene spezzate o le finte catene, con nuovi desideri, forse con la voglie di raccontarsi e perchè no, vivere un pezzetto di vita pieno di incognite.


 
 Marosia Castaldi: A vivere si impara
 il Natale
 i morti restano nei vivi
 in spem contra spem
 La felicità
 Febbraio 2013
 Gennaio 2013
 Dicembre 2012
 Novembre 2012
 Ottobre 2012
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Giugno 2012
 Maggio 2012
 Aprile 2012
 Marzo 2012
 Febbraio 2012
 Gennaio 2012
 Dicembre 2011
 Novembre 2011
 Ottobre 2011
 Settembre 2011
 Luglio 2011
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Agosto 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Ottobre 2004
 Settembre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
 Febbraio 2004
 Gennaio 2004
copertina

Paesaggio della stanza
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Marosia Castaldi