Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
9 dicembre 2021
In Universale Economica
Pino Cacucci: blog per viandanti
Siamo davvero in troppi? 9 luglio 2004




Fame e sovrappopolazione: un binomio che siamo abituati a considerare indissolubile. La popolazione mondiale cresce ogni anno, e di pari passo aumenta il numero di esseri umani che sopravvivono al di sotto della cosiddetta "soglia di povertà". Da diversi decenni, prestigiosi (?) organismi internazionali ci ripetono che il controllo delle nascite è la soluzione basilare. Siamo in troppi, dunque. Ma è davvero così?
Senza pretendere di affermare alcunché, vorrei soprattutto esprimere dubbi, invitando a non ripetere meccanicamente formulette propinate da "esperti" fin troppo interessati. E parto da una domanda banalissima: se esiste il problema della sovrappopolazione, allora perché i paesi più ricchi del mondo risultano essere anche i più popolati?
Vediamo alcuni dati, che chiunque può trovare nella più modesta enciclopedia casalinga. L'India viene indicata come l'esempio più nefasto di "troppa gente-uguale-fame". L'India è tra i paesi più poveri del mondo. Ma uno dei paesi più ricchi, cioè il Giappone, ha una densità di popolazione addirittura superiore a quella dell'India. E la Germania, non è molto lontana in termini di abitanti per km quadrato, eppure, chiunque abbia viaggiato lungo il territorio tedesco, non può mai aver provato la sensazione di un soffocante "eccesso di esseri umani"... E la Cina, altro esempio di paese che si vorrebbe sovraffollato, ha una tale estensione da rendere la densità inferiore a quella dell'Italia e più o meno pari a quella della Francia. Forse è il caso di riflettere, prima di sposare la tesi oggi tanto cara al Fondo Monetario Internazionale, organismo altamente responsabile dello sterminio per fame grazie all'imposizione del modello neoliberista ai tre quarti del pianeta. Cioè, ai tre quarti che si dissanguano di materie prime e lavoro schiavistico per permettere a un solo quarto di mantenere (o aumentare) i propri osceni e intollerabili privilegi.
Passiamo all'America Latina, continente dove a ogni richiesta di terre da parte dei contadini, latifondisti e governi rispondono all'unisono: "Se i poveri non facessero tanti figli, la terra basterebbe". Questa è una falsità criminosa. I poveri non aumentano perché partoriscono troppo, ma perché ogni anno milioni di persone scivolano dal "ceto medio" alla miseria, indipendentemente dal numero di figli. I paesi latinoamericani sono tra i più spopolati del pianeta. Il Brasile ha solo 18 abitanti per km2 (un decimo rispetto all’Italia!) eppure il movimento dei Sem Terra deve lottare a prezzo di continue stragi per rivendicare appezzamenti da coltivare. Un esempio, concreto quanto la consistenza di un pugno di terra: in Brasile esiste un individuo che possiede milioni di ettari pari alla superficie dell’Olanda. Un solo proprietario terriero che, se volesse percorrere a piedi i suoi possedimenti e conoscerne ogni metro quadro, non gli basterebbe l’intera vita per farlo.
I latifondisti ci dicono che gli indios fanno "anche dieci figli per coppia", però dimenticano di aggiungere che spesso solo uno dei dieci arriva all'età adulta, e che la vita media non raggiunge i quarant'anni. Quando i Conquistadores misero piede sul continente, si calcola che le popolazioni azteche, maya e inca erano complessivamente tra gli ottanta e i novanta milioni di individui. Un secolo e mezzo più tardi, erano ridotti a... tre milioni e mezzo! E oggi, nonostante le asserzioni sulla sovrappopolazione, gli indigeni non hanno neppure raggiunto le cifre di cinque secoli fa. Gli Stati Uniti, soprattutto negli anni 60, hanno inviato squadre di "tecnici" a sterilizzare migliaia di donne in Amazzonia: come si spiega un simile crimine, se in Amazzonia incontrare un essere umano è più raro che nel deserto del Sahara? Semplice: le comunità indigene poggiavano i piedi sopra giacimenti di materie prime utili ad arricchire le imprese multinazionali. Estinguerli gradualmente, era la soluzione meno eclatante, ma in molti casi si è preferito il genocidio sistematico, senza aspettare i risultati delle sterilizzazioni forzate e ricorrendo alle armi, all'avvelenamento dei corsi d'acqua, all'incendio delle foreste. La metà di Bolivia, Cile, Ecuador e Brasile, è territorio completamente disabitato. Come si può affermare che la miseria diffusa in quei paesi sia causata dalla sovrappopolazione? Da quando il Cile viene additato come esempio positivo di progresso economico, azzeramento dell'inflazione, investimenti esteri, eccetera, non si aggiunge che in Cile il 40% della popolazione è in miseria e la disoccupazione è in costante incremento. I cileni non sono aumentati granché negli ultimi anni, eppure sono aumentati a dismisura i poveri. Erano già nati, quando le loro famiglie appartenevano ai ceti medi...
La terra non basta agli esseri umani di America Latina, Asia e Africa non perché siano loro in troppi, ma perché immensi latifondi vengono usati per allevare vacche da hamburger (un dato agghiacciante: ogni giorno vengono aperte decine di nuove filiali MacDonald: ogni giorno, devono di conseguenza aumentare i milioni di capi di bestiame). È questo uno dei principali motivi per cui si abbatte la selva amazzonica come quella del Chiapas, e bruciano le foreste dell'Indonesia. Anche addentando un hamburger, ci rendiamo complici del genocidio. Ma ci è molto più comodo pensare che la responsabilità stia nel fatto che i poveri non usano gli anticoncezionali...
Come si spiega la palese contraddizione di un nord del mondo che considera sovrappopolato il sud, e poi, puntualmente, ci propina il piagnisteo sulla crescita zero (vedi alla voce Italia) a causa della quale ben presto non ci saranno sufficienti "abitanti attivi" per pagare le pensioni agli "inattivi"?
Il vero disastro planetario non avverrà per eccesso di popolazione, ma quando masse enormi di individui si adegueranno alla nostra way of life. Il senatore-avvocato Agnelli diceva davanti alle telecamere con raggelante cinismo: "La sfida del millennio che sta per iniziare consiste nel motorizzare gli abitanti di Cina e India". Diceva proprio così: "motorizzare". Ecco, provate a immaginare cosa ne sarà della già asfittica atmosfera terrestre, il giorno in cui altri due miliardi di automobili accenderanno il motore... Oggi ci sono troppe macchine e troppe ciminiere, non troppi uomini, donne e bambini. E la povertà è dovuta all'ingiustizia economica, al fatto che i trecento (300!) uomini più ricchi del globo possiedono da soli la metà delle ricchezze del pianeta Terra, o che una sola multinazionale come la Toyota fattura in un anno una cifra superiore al prodotto interno lordo di paesi economicamente forti come la Norvegia. Le risorse non sono scarse, ma sono concentrate nelle mani di pochi che impediscono agli altri di accedervi. È su questi dati che occorre riflettere, quando ci parlano di sovrappopolazione. Anche perché, grazie all'accelerazione imposta dal capitalismo selvaggio al saccheggio delle risorse negli ultimi decenni, la razza umana rischia di autodistruggersi molto prima di raggiungere la saturazione.

 
I vostri commenti
Il commento di Massimo+Ortelio 1 novembre 2004


In realtà siamo pochissimi.


 
Il commento di Natália 22 settembre 2004


Ciao! Sono brasiliana e me piace molto il tue pagine.Mi dispiace per non parlare molto bene il italiano, ma ancora sono un apprendista...Io amo La Italia!Voglio molto conoscere questo paese!Io vivo in San Paolo..Vi giuro che non passa giorno in cui non penso in Italia. Ho una nostlgia che qualche volta mi lascia senza fiato, mi vengono i brividi in tutto il corpo!!! Che posto meraviglioso!!! Baci


 
Il commento di gianni 9 settembre 2004


Pensiero della sera….e se dietro al sequestro delle due ragazze volontarie italiane ci fossero i servizi segreti di qualche nazione ?…oramai la realtà ha superato la fantasia….e perciò ci può stare tutto….chi avrebbe mai immaginato Kissinger Nobel per la Pace ? colui che ha diretto tra i primi il golpe in Cile del 1973…….ciao gianni


 
Il commento di giovanni 6 settembre 2004


e' vero,siamo troppi:i berlusconi,i nipoti gia' manager di agnelli,i frattini e i taormina,i costanzo-show con le veline e i calciapalle,i comunisti mai stati o sempre-pentiti,i terroristi di stato e statisti,i razzisti di razza,chi non ama donne e bambini,i religiosi solo di professione,chi avvelena ma nei limiti di legge,quelli come me ,vecchi di tante letture e idee e nessun fatto...sono troppi!


 
Il commento di Marco 30 agosto 2004


Lucida considerazione che, come sempre, la tv e i media "liberi" non ci verrano mai a ricordare. Del resto tra i 300 uomini + ricchi del pianeta c'è chi li controlla i media.


 
Il commento di Pigna 21 agosto 2004


Tralascio un commento generale... il testo parla da se. Come i suoi libri d'altronde. La ringrazio per la speranza che trasmette negli ultimi, anche se alla fine io ricado sempre nel mio personale esilio volontario (o forse no) alla "Punti di fuga" o del mitico Puerto. Mi fa anche molta tristezza che qui i commenti siano sempre così pochi... ma come dar torto a chi non vuol vedere? Pochi hanno un secchio a portata di mano in cui vomitare. Vabbè, alla fine scrivo + che altro x chiederle un'info sul passaggio: "immensi latifondi vengono usati per allevare vacche da hamburger..." Dove potrei trovare altre notizie su questa simpatica pratica di assassinio? (mail: marcopigna1982@msn.com) Grazie in anticipo.


 
Il commento di Stefano 20 agosto 2004


Come sempre la lettura degli scritti di Cacucci è stimolante. Vorrei aggiungere solo una breve riflessione: non so quando Agnelli parlava della „sfida del millennio“, ma diversi anni fa (credo durante la mitica intervista fatta da Gianni Minà), Fidel Castro insinuava qualche dubbio sulla possibilità di esportare il modello di sviluppo dei paesi occidentali nel mondo intero. Il suo esempio riguardava proprio l‘‘automobile; non è possibile che i cinesi abbiano la stessa percentuale di auto che ha un paese occidentale, semplicemente perché non ci sono abbastanza risorse sulla terra. Pensiamo solo a quali effetti sta avendo ( e avrà!) questa „motorizzazione“ sul prezzo del carburante. Saluti, Stefano


 
 Pino Cacucci: blog per viandanti
 ciao don Gallo
 tradurre è...
 Libia, ma che bel risultato...
 Il lungo addio di Laura Grimaldi
 Maggio 2013
 Aprile 2013
 Settembre 2012
 Luglio 2012
 Agosto 2011
 Giugno 2011
 Maggio 2011
 Aprile 2011
 Giugno 2010
 Febbraio 2010
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Febbraio 2009
 Settembre 2008
 Maggio 2008
 Gennaio 2008
 Novembre 2007
 Settembre 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Luglio 2006
 Maggio 2006
 Dicembre 2005
 Ottobre 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Marzo 2005
 Ottobre 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
copertina

La memoria non m'inganna
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Pino Cacucci