Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
23 ottobre 2020
In Universale Economica
Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
Il dolore è inutile? 23 novembre 2004


Marco Lodoli è tornato a parlare di come gli studenti lo mettano in crisi. Qualche tempo fa le pagine di “Repubblica” ospitarono una sua riflessione sulla ragazza che gli aveva detto di non potersi permettere una personalità (“Noi siamo la massa informe”). Ora è la volta di un’altra ragazza, che chiamata alla cattedra rifiuta di farsi interrogare dicendo: “Non voglio soffrire neanche un minuto”. Lodoli ne trae conclusioni amare: “I nostri padri hanno preso a schiaffi la sofferenza, noi invece oggi restiamo zitti e buoni, crediamo che non si debba fare più nulla, diventiamo grassi e pigri, scontenti senza dolore, annoiati in tanta fortuna.”

Se ben ricordo i nostri padri hanno preso a schiaffi anche noi. Questa retorica neorealista ormai mostra la corda. (In Italia, realismi e neorealismi sono di solito forme di gerontocrazia sentimentale che producono, nel cinema e in letteratura, uno stuolo di babbini e nonnetti.) Richard Rorty ricorda che nelle società da cui stiamo cercando di uscire (non ne siamo usciti) esisteva (esiste) un normale diritto di cittadinanza del sadismo: piccolo e grande, etero− e autoinflitto. Ben venga allora il rifiuto del dolore. La petizione di principio contro il dolore inutile è una delle grandi conquiste dell’umanità, e di ogni singolo essere umano.

Certo, qui la parola chiave è “inutile”. Un’interrogazione scolastica potrebbe essere utile, in fondo. Alla ragazza forse converrebbe soffrire “un minuto” e passare l’anno. Lei, comunque, ha deciso. Male, probabilmente. Però com’è difficile accettare che le persone che abbiamo davanti pensano con la loro testa, e che qualcosa che a noi sembra utile secondo loro, francamente, non vale proprio la pena. Gli studenti ci mettono davvero in crisi.

Links (usare il copia−incolla):
Noi siamo la massa informe: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/documenti/lod.htm
Non voglio soffrire: http://www.repubblica.it/2004/k/sezioni/cronaca/infe/infe/infe.html
Rorty: http://www.garzantilibri.it/default.php?page=visu_libro&CPID=837
 
 Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
 Morte di un ragazzo
 Il senso dell'arca
 La città e l'isola (e la sala stampa)
 Invito al viaggio
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 TG in giro per la rete
 Saggi e articoli su "Perché non possiamo non dirci"
 Linguaggio
 Letteratura
 Omosessualità
 Mondo
 L'Infinito Quotidiano
copertina

Perché non possiamo non dirci
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Tommaso Giartosio