Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
23 ottobre 2020
In Universale Economica
Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
Cattedrali, diavoli, e filosofi 3 maggio 2005


Dov'ero in questi giorni? A Barcellona. Dove si è aggiunto un altro anello alla riflessione su bellezza e bontà (vedi il mio post del 28 aprile). Che ha molto a che fare, in fondo, con i referendum imminenti.

Da "Il tempio della Sagrada Famìlia", di Josep Maria Carandell, sezione sul "Portale della Speranza":

"L'uomo che Gaudì utilizzò come modello per il carnefice che sta per uccidere l'innocente davanti alla madre che supplica orrorizzata (sic), era un uomo di mole gigantesca e, quando gli tolse il calco, vide che aveva sei dita in ogni piede. Lo scultore Matamala voleva dissimulare il difetto, ma Gaudì glielo proibì sostenendo che così la mostruosità dell'infanticidio rimaneva riflessa nella mostruosità di quei piedi".

Aneddoto molto appropriato alla cattedrale della Sacra Famiglia, della santità generativa e genetica...

Il mio personale portale della speranza apre sull'ipotesi di una religione che sia vaccinata contro questi "riflessi" mostruosamente simmetrici.

Ma queste sono obiezioni un po' facili. A me interessa provare a dire di più: in modo ancora confuso, mi accorgo di chiedere a un pensiero della profondità di confrontarsi con l'eterogenesi dei fini più radicale, senza ricadere in forme di omogenesi - cioè, sempre, di eugenesi. Il bianco che nasce dal bianco.

Tra le quali porrei anche l'inversione assoluta, ma lineare e limpidamente "riflessa", propugnata da Mefistofele: "Io sono una parte di quella forza che vuole se,pre il male e opera sempre il bene." Il nero diventa bianco, tutto qui.

Il problema, però, è che l'eterogenesi dei fini - quella di Vico, almeno - rivela un'omogenesi più profonda (forse la rivela con tanto maggiore chiarezza quanto più è intricato lo gliommero). Il problema, insomma, è se possa esservi una genesi che non sia omogenesi... o anche omogenesi.. o addirittura essenzialmente omogenesi...


---


Un link che chiarisce - in modo semplice ma chiaro, mi pare - il concetto vichiano di eterogenesi dei fini:

http://www.geocities.com/Athens/Olympus/4533/vico.htm
 
I vostri commenti
Il commento di TG 4 maggio 2005


Eh, l'hanno combinato così. Puoi scrivermi a tomgiartosio@libero.it.


 
Il commento di ibbo' 4 maggio 2005


macche' si fa cosi? un blog senza neanche una casellina email per darti un feedback? e se un* è timid*? e vuole esporti una riflessione in privato? come si fa? dai su, + interattivita' in rete!!


 
 Fenomeni e fonemi: il blog di Tommaso Giartosio
 Morte di un ragazzo
 Il senso dell'arca
 La città e l'isola (e la sala stampa)
 Invito al viaggio
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Maggio 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 TG in giro per la rete
 Saggi e articoli su "Perché non possiamo non dirci"
 Linguaggio
 Letteratura
 Omosessualità
 Mondo
 L'Infinito Quotidiano
copertina

Perché non possiamo non dirci
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Tommaso Giartosio