Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
22 aprile 2021
In Universale Economica
Jürgen Habermas: intervista sull’antisemitismo
di José Comas, tratto da “la Repubblica”, 31 gennaio 2004
Alcuni recenti sondaggi segnalano un incremento dell´antisemitismo nell´Europa centrale e occidentale; e il governo israeliano ha accusato di antisemitismo l´Ue.
"Da quanto ho potuto leggere e osservare intorno a me, questa diagnosi coincide con la realtà. Del resto, in quasi tutti i paesi europei si rileva da alcuni decenni un potenziale costante di certi atteggiamenti e pregiudizi, che riguarda il 15% circa della popolazione. E´ difficile dire se oggi questo potenziale sia solo più palese, manifestato in maniera più evidente, o se sia effettivamente in crescita. Non esistono, che io sappia, ricerche affidabili in proposito".

La politica israeliana in Palestina contribuisce all´ascesa dell´antisemitismo?
"Indubbiamente, nella misura in cui le critiche, seppure di ispirazione progressista, contro la politica autodistruttiva e senza prospettive del governo Sharon hanno creato un diverso clima d´opinione; e in questo clima i risentimenti alimentati da tradizioni di segno ben diverso hanno modo di diffondersi surrettiziamente. Una conseguenza ancora più sgradevole ha avuto in Germania la polarizzazione dell´opinione pubblica sulla questione della guerra in Iraq. Dalla fine della seconda guerra mondiale, molte famiglie ebraiche si erano gradualmente convinte a rimanere nella Repubblica federale tedesca, perché in ultima istanza confidavano nella protezione degli Stati Uniti. Perciò, anche tra i progressisti la politica portata avanti dal governo Bush, in violazione del diritto internazionale, ha aperto una nuova, dolorosa spaccatura tra cittadini ebrei e non ebrei, deteriorando un prezioso capitale di fiducia. A maggior ragione dovremo impegnarci a mantenere viva nell´opinione pubblica la consapevolezza del rischio: questo perché in Germania l´antisemitismo è un pericolo maggiore di quanto lo sia in altri paesi, sebbene altrove si manifesti a volte in maniera più eclatante".

Vede un rapporto tra antisemitismo e antiamericanismo?
"Sì; e questo rapporto ideologico è caratteristico di quel nazionalismo radicale che a suo tempo contribuì in maniera decisiva alla caduta della Repubblica di Weimar. In Germania, l´antiamericanismo è stato sempre legato ai movimenti più reazionari, e serve tuttora da copertura agli antisemiti incorreggibili. La paura scatenata da questo complesso storico annebbia il dibattito, e spiega i sospetti suscitati a volte dalle critiche e proteste, per quanto giustificate, contro la guerra in Iraq e la politica del governo Sharon".

Come distingue l´antisemitismo dall´antisionismo?
"Sul piano analitico si possono fare distinzioni concettuali che nell´uso politico si sono oramai stemperate. L´antisionismo può non avere connotazioni antisemite unicamente ed esclusivamente quando esprime riserve che opporrebbe allo stesso modo agli effetti negativi di qualunque forma di nazionalismo. Molti eminenti intellettuali ebrei non sono sionisti. Nella pratica però, oggi l´antisionismo è screditato. Dopo l´Olocausto, quale europeo potrebbe negare a Israele il diritto di esistere, o chiamarsi fuori da questa questione politico-esistenziale?".

Si può parlare di un antisemitismo di sinistra? E se così fosse, quali tratti lo differenziano da quello tradizionale?
"Storicamente, c´è stato un antisemitismo di sinistra, sotto forma di una torbida mescolanza di motivazioni anticapitaliste e antisioniste. In generale, le riserve della sinistra nei confronti delle radici nazionaliste del sionismo erano alimentate dalle tradizioni cosmopolite illuministe che avevano contribuito alla tolleranza assai più che alla xenofobia. Il fatto è che a volte si creano commistioni ideologiche contraddittorie, il cui collante è spesso la paura dello sradicamento, o quella della perdita del proprio status. L´antisemitismo di destra e di sinistra trovano il loro punto d´incontro nel complesso dei sentimenti etnocentrici o xenofobi di settori della popolazione che si sentono minacciati dai processi di modernizzazione".

Il caso del deputato della Cdu Martin Hohmann - espulso dal gruppo parlamentare del suo partito per le sue recenti esternazioni antisemite -potrebbe costituire un esempio di antisemitismo intellettuale. Ritiene che nell´Europa centrale e orientale gli ebrei siano realmente in pericolo?
" Nel caso di Hohmann si può effettivamente parlare di una forma "intellettualizzata" di antisemitismo. Anna Freud concepiva l´ "intellettualizzazione" come una strategia difensiva: la traduzione di motivi inconsci in un´argomentazione a freddo, privata della componente emotiva. Il caso Hohmann va inteso nel contesto tedesco dell´ "elaborazione" del passato nazista. Dopo una fase di rimozione e di "incapacità di esperire il lutto" (secondo l´espressione dello psicanalista Alexander Mitscherlich) durata fino agli anni ?50, abbiamo vissuto fasi alterne, con un susseguirsi di tentativi di confrontarci radicalmente con il periodo nazista e di appelli al ripristino della "normalità". A mio giudizio, il dibattito non si è affievolito, quanto meno nell´ambito dei mezzi di comunicazione o nelle sedi pubbliche. Il cambiamento è di altro tipo. Se nel corso dei decenni c´è stata effettivamente un´evoluzione, in senso più liberale, del modo di pensare politico della popolazione, è stato solo grazie a una barriera, informale ma effettivamente funzionante, tra quanto si poteva dire in pubblico e i pregiudizi espressi in privato. Questo meccanismo ha nuovamente svolto la sua funzione nel caso di Hohmann. Tuttavia, a tre generazioni da Auschwitz gli atteggiamenti politicamente nefasti dovrebbero poter essere esposti al ludibrio politico anche senza l´aiuto di una barriera eretta in qualche modo artificialmente, con intenti pedagogici, tra l´opinione pubblica e quella informale".

In Spagna è molto diffuso un atteggiamento xenofobo verso i magrebini; lo stesso avviene in Germania nei confronti dei turchi, e in Francia degli arabi in generale. Tutte queste manifestazioni, che si potrebbero designare con il termine comune di islamofobia, non rappresentano un pericolo anche più inquietante dell´antisemitismo?
"La distinzione tra i vari paesi è già contenuta nella sua domanda; anche in Inghilterra ritroviamo lo stesso problema, ma con connotazioni specifiche. L´attuale sfida all´Occidente da parte del mondo islamico si presenta in ciascun paese sullo sfondo delle rispettive esperienze nazionali. In Germania, l´antisemitismo era ed è tuttora il barometro e il segnale d´allarme dello stato in cui versa la cultura politica. In questa sindrome si addensano i motivi più oscuri e imperscrutabili, le cui radici affondano a volte anche nelle nostre tradizioni migliori e più antiche, che assai prima del nazismo hanno sviluppato un vigore capace di plasmare le mentalità. D´altra parte, i sentimenti xenofobi rivolti contro i componenti della nostra minoranza più consistente e più visibile, quella islamica, nasce dalle stesse paure e proiezioni che sono all´origine dell´antisemitismo. Di fatto, questi atteggiamenti sono anche più diffusi, e trovano maggior comprensione in ambito pubblico. I partiti conservatori, che condannano duramente l´antisemitismo, non esitano a trarre vantaggio dall´islamofobia, come dimostra l´attuale dibattito sull´ingresso della Turchia nella Ue".

Cosa pensa del divieto del velo e di altri simboli religiosi nella scuola francese?
"Con tutto il rispetto per la grande tradizione francese repubblicana e laica, credo che questa misura renda più difficile l´auspicata integrazione degli arabi. Meglio sarebbe dar prova di una maggiore serenità, a fronte del desiderio di identità culturale e di riconoscimento politico di una minoranza religiosa. Vada per le insegnanti, che rappresentano l´autorità davanti a tutta la classe, ma perché mai le alunne non dovrebbero poter tenere un velo in testa, o una croce al collo?".

(Traduzione di Elisabetta Horvat)
Scarica la versione gratuita del Player Real, necessaria per ascoltare e vedere i file audio/video.
  La scheda autore di Jurgen Habermas
  "Solo la religione può salvarci dalle cadute della modernità". Intervista a Jürgen Habermas
  Jürgen Habermas: intervista sull’antisemitismo

  Elenco completo
 Vuoi ricevere aggior- namenti sull'autore?